cerca CERCA
Mercoledì 06 Luglio 2022
Aggiornato: 17:45
Temi caldi

Ucraina, italiano ad Odessa: "Ieri ristoranti pieni, stamattina esplosioni e supermercati presi d'assalto"

24 febbraio 2022 | 18.59
LETTURA: 1 minuti

"Odessa ieri era una città normalissima, i ristoranti erano pieni, non c'era un clima di guerra. Nessuno pensava che attaccassero, invece stamattina alle 5.30 abbiamo sentito delle esplosioni, ma non abbiamo visto fumo: forse è stato colpito qualche obiettivo sensibile. C'è stata un po' di paura, ma poi da quel momento fino ad ora più nulla". Albino Locatelli vive ad Odessa e racconta all'Adnkronos la situazione nella città dopo l'operazione militare lanciata da Putin con l'invasione dell'Ucraina.

"Oggi sono tutti a casa, c'è poca gente in giro, stamattina i supermercati sono stati presi di assalto, c'erano code ai bancomat - riferisce - Qui i sentimenti sono contrastanti, ci sono tante etnie, a molti non importa l'arrivo dei russi, altri invece sono più nazionalisti".

"Come ci era stato consigliato, abbiamo fatto scorte di cibo. La comunità italiana qui non è molto numerosa, alcuni sono già rientrati con i voli commerciali ma tanta gente, come me, lavora qui o ha investimenti qui e dunque non se l'è sentita di andare via", conclude Locatelli che da tre anni abita in Ucraina.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza