cerca CERCA
Sabato 02 Luglio 2022
Aggiornato: 00:03
Temi caldi

1 / 4
Ucraina, Mariupol, Azovstal: ultime notizie oggi, news ultim'ora 4 maggio

04 maggio 2022 | 10.56
LETTURA: 22 minuti

Nuovo tentativo di evacuazione: le notizie in tempo reale

alternate text
- (Fotogramma)

Mariupol e l'evacuazione dei civili, in particolare dall'acciaieria Azovstal, al centro delle news di oggi, 4 maggio. La guerra tra Russia e Ucraina va avanti da 70 giorni, con riflettori accesi su Donbass e sulla nuova fase del conflitto. Le notizie dell'ultim'ora in tempo reale:

ORE 21.53 - "Per il secondo giorno il nemico è riuscito a entrare nel territorio dello stabilimento Azovstal a Mariupol, dove sono in corso pesanti e sanguinosi combattimenti". Lo riferisce il comandante del reggimento Azov, Denis Prokopenko, in un video pubblicato su Telegram.

ORE 21.44 - Olaf Scholz intende continuare a parlare con Vladimir Putin. Lo ha detto lo stesso cancelliere tedesco all'indomani del colloquio telefonico avuto dal presidente francese Emmanuel Macron con il presidente russo dopo oltre un mese. Scholz ha affermato che è giusto parlare con Putin e anche con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, "tuttavia la situazione è quella che è, non dobbiamo farci illusioni".

ORE 21.31 - Le truppe russe hanno lanciato un attacco missilistico sul distretto di Brovary, nella regione di Kiev. Lo ha annunciato su Facebook il sindaco di Brovary Ihor Sapozhko, spiegando che sono ancora da chiarire i dettagli.

ORE 21.19 - Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha rivolto un appello al segretario generale dell'Onu Antonio Guterres per aiutare a evacuare quanti sono ancora intrappolati nell'acciaieria Azovstal di Mariupol. "Le vite delle persone che restano lì sono in pericolo - ha detto Zelensky - Tutti sono importanti per noi. Chiediamo il suo aiuto per salvarle".

ORE 21.07 - Da domani a sabato 7 maggio, dalle 8 alle 18, le Forze armate russe apriranno un corridoio umanitario per l'evacuazione dei civili da Azovstal. Lo ha annunciato il comando russo citato dalla Tass, secondo cui, "in conformità con la decisione della leadership della Federazione russa, basata su principi di umanità, le Forze armate russe dalle 8 alle 18 ora di Mosca del 5, 6 e 7 maggio apriranno un corridoio umanitario dal territorio dell'impianto di Azovstal per l'evacuazione dei civili (personale di lavoro, donne e bambini)", la cui presenza nelle strutture sotterranee dell'acciaieria viene segnalata dalle autorità di Kiev.

ORE 20.54 - "Il continuo prendere di mira città chiave come Odessa, Kherson e Mariupol sottolinea il desiderio dei russi di controllare completamente l'accesso al Mar Nero, che consentirebbe loro di controllare le linee di comunicazione marittime dell'Ucraina, con un impatto negativo sulla loro economia". Lo sottolinea nel consueto aggiornamento diffuso dal ministero della Difesa di Londra l'intelligence britannica, secondo cui, "nonostante le operazioni di terra russe si stiano concentrando sull'est dell'Ucraina, i raid missilistici continuano su tutto il Paese, mentre la Russia tenta di ostacolare i rifornimenti per l'Ucraina".

ORE 20.48 - "Mentre le operazioni russe vacillano, continuano a essete colpiti obiettivi non militari tra cui scuole, ospedali, proprietà residenziali e hub di trasporto, indicando la volontà della Russia di prendere di mira le infrastrutture civili nel tentativo di indebolire la determinazione ucraina". E' quanto sostiene l'intelligence britannica nel consueto aggiornamento sulla situazione della guerra in Ucraina.

ORE 20.34 - Una serie di esplosioni sono state avvertite questa sera a Mykolaiv. Lo ha riferito il sindaco della città Alexander Senkevich, citato da Ukraina 24.

ORE 20.22 - "Il nemico continua a bombardare Kharkiv. Oggi è stato colpito il quartiere di Kiev, dove sono scoppiati diversi incendi a causa dei bombardamenti russi, che hanno coinvolto case e auto private". Lo fa sapere il governatore di Kharkiv Oleg Synegubov, facendo il punto su Telegram dei combattimenti nella regione. Gli incendi nella città "sono stati prontamente domati dai vigili del fuoco", assicura Synegubov, raccomandando però ai cittadini di "non ignorare gli allarmi, perché è ancora estremamente pericoloso stare per strada.

ORE 20.07 - L'assalto delle truppe russe all'acciaieria Azovstal di Mariupol, ultima sacca della resistenza ucraina in città, continua ma "senza successo". E' quanto sostiene il consigliere delle forze armate di Kiev, Alexander Stupun, in un aggiornamento video, affermando che "i blocchi e i tentativi di distruggere le nostre unità nell'area di Azovstal continuano: in alcune aree, con il sostegno dell'aeronautica, il nemico russo ha ripreso l'offensiva per riprendere il controllo dell'impianto", senza successo.

ORE 19.56 - Circa duemila soldati russi, l'equivalente di due gruppi tattici di battaglione (Btg), restano a Mariupol, la città ucraina sotto assedio da oltre due mesi, nella quale l'acciaieria Azovstal resta l'ultima sacca della resistenza. Lo hanno riferito fonti della Difesa americana, secondo cui dieci Btg impegnati nell'assedio del porto sul mar d'Azov si sono spostati a nord per una pausa "o per creare migliori posizioni difensive o per riorganizzarsi e riposizionarsi" appena a sud della città di Velyka Novosilka. Secondo le stesse fonti, le rimanenti forze che si trovano a o intorno a Mariupol potrebbero anche includere combattenti ceceni. "A sud non stanno facendo alcun progresso"", hanno affermato.

ORE 19.40 - "Bombardamento proprio nel centro di Dnipro". Lo comunica su Telegram il sindaco della città di Dnipro dell'Ucraina orientale, Boris Filatov, che esorta i cittadini a non uscire dai rifugi. "Siamo in attesa - aggiunge - di informazioni ufficiali dall'amministrazione militare".

ORE 19.29 - "Le truppe russe si trovano già nel territorio di Azovastal, ma la comunicazione con i difensori ucraini è stata ripristinata". Lo ha detto a Radio Svoboda il deputato ucraino e leader del partito 'Servitore del popolo' David Arakhamia, mentre per il secondo giorno consecutivo i russi hanno tentato di assaltare l'impianto.

ORE 19.14 - In teoria è uno dei più fedeli alleati di Vladimir Putin, nella realtà è un personaggio ingombrante che Mosca ha deciso di 'controllare' almeno sui media statali. Secondo quanto riportano siti russi, ai media statali sarebbe stato proibito di citare nei loro materiali il capo della Cecenia Ramzan Kadyrov, senza avere prima ottenuto un permesso dall'alto. Un tentativo evidente di arginare la visibilità di Kadyrov, che è stato molto attivo sui social network dall'inizio della guerra. I pezzi sul leader ceceno dovranno quindi prima essere autorizzati dai vertici delle singole testate che a loro volta dovranno ricevere un via libera dalle autorità politiche.

ORE 19.02 - L'ex presidente del Brasile Inacio Lula da Silva critica il presidente ucraino Volodymir Zelensky per lo "spettacolo" di cui è protagonista, accusandolo di non aver negoziato a sufficienza. Ma punta anche il dito contro Stati Uniti e Unione europea che accusa di aver fomentato il conflitto.

ORE 18.47 - In quello che appare un avvertimento dell'Occidente, "l'aereo dell'Apocalisse" ha sorvolato oggi il cielo di Mosca durante le prove della parata militare della Vittoria il 9 maggio, mentre continua la guerra in Ucraina. Si tratta, scrive Le Figaro, di un Ilyushin-80 modificato per permettere a Vladimir Putin di dirigere il paese in caso di attacco nucleare. L'aereo può rimanere in cielo per giorni senza atterrare, grazie al rifornimento in volo.

ORE 18.33 - L'acciaieria Azovstal resiste ancora. Lo ha detto il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba, smentendo le affermazioni russe secondo cui Mariupol è ormai sotto il pieno controllo delle forze di Mosca. Il capo della diplomazia di Kiev ha poi affermato che l'evacuazione dei civili dall'acciaieria, sotto gli auspici dell'Onu, dimostra che "laddove c'è la volontà politica in Russia, questo meccanismo può funzionare". "Ma vediamo che sono molto riluttanti a lasciare andare via le persone - ha sottolineato - e ogni prossima messa richiede molto lavoro e molta pressione sulla Russia".

ORE 18.14 - L'Ungheria metterà il veto all'embargo sul petrolio russo contenuto nel sesto pacchetto di sanzioni dell'Unione Europea. Lo ha annunciato il portavoce del governo di Budapest, Zoltan Kovacs, che ha definito "inaccettabile" la proposta di Bruxelles. Alla domanda di un giornalista della Bbc che gli ha chiesto se il suo Paese eserciterà il diritto di veto, il portavoce ha replicato: "Sì....Alla fine bisogna ricordare come funziona l'Ue, la proposta arriva da Bruxelles, che è il centro amministrativo, burocratico dell'Unione Europea, non dei Paesi membri".

ORE 18.07 - Il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier si è detto pronto a parlare personalmente con il suo omologo ucraino Volodymyr Zelensky e ha promesso maggiori aiuti da parte di Berlino a Kiev. Parlando da Bucarest, Steinmeier ha detto che ''i tedeschi sostengono l'Ucraina con tutto il cuore''.

ORE 17.58 - "Siamo sempre aperti a sanzioni aggiuntive" alla Russia. Lo ha detto Joe Biden, rispondendo ad una domanda dei giornalisti oggi alla Casa Bianca, spiegando che "questa settimana mi sto consultando con i membri del G7 su quello che faremo e non faremo".

ORE 17.49 - Sono circa 250 i civili che restano ancora all'interno di Azovstal, l'acciaieria di Mariupol da settimane ultima sacca della resistenza ucraina contro i russi. Nei giorni scorsi, dopo tanti tentativi a vuoto a causa della sfiducia reciproca tra Mosca e Kiev e grazie alla mediazione fondamentale dell'Onu, sono stati evacuati dall'impianto 100 civili, mentre un altro centinaio da alcuni villaggi vicini. I civili sono stati consegnati al personale della Croce Rossa e delle Nazioni Unite, che hanno garantito che non venissero deportati in Russia e che potessere scegliere le zone di destinazione, se nel territorio sotto occupazione russa o sotto il controllo ucraino.

ORE 17.36 - Un elicottero militare russo avrebbe violato lo spazio aereo della Finlandia. Lo riferisce 'Yle', la radiotelevisione di Stato finlandese che cita il ministero della Difesa finlandese. La violazione dello spazio aereo da parte di un Mi-17 sarebbe accaduta oggi lungo il confine orientale della Finlandia tra le città di Kesälahti e Parikkala intorno alle 10.40.


Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza