cerca CERCA
Lunedì 26 Settembre 2022
Aggiornato: 04:02
Temi caldi

Ucraina: Msf, 'guerre colpiscono civili ma strage in stazione ha avuto impatto visivo come poche'

09 aprile 2022 | 12.49
LETTURA: 2 minuti

alternate text

"Nelle guerre sono sempre i civili ad essere colpiti, ma la strage alla stazione, con la gente che da lì cercava di fuggire come consigliato loro dalle autorità, ha avuto un impatto visivo come poche altre". Lo dice dall'Ucraina all'Adnkronos Maurizio Debanne, di Medici Senza Frontiere, commentando l'ordigno fatto esplodere a Kramatorsk. "Abbiamo realizzato questo treno adibito a clinica, che serve a fare evacuazioni mediche dall'est del Paese verso l'ovest - spiega - abbiamo già trasportato bambini, uomini, donne e anziani che vivevano in ospizio. Proprio dalla stazione di Kramatorsk, colpita ieri, era partito la sera del 6 aprile per essere poi la sera del 7 aprile a Lviv, a Leopoli. Solo una decina di ore prima avevamo visto la stazione piena di gente, c'era stato un appello delle autorità affinché si evacuassero le persone dalle zone a rischio. Cercavano in massa di fuggire dall'est. E' stato un attacco orribile, non ci sono parole".

"Come Medici Senza Frontiere - prosegue - contiamo di poter continuare l'attività medica con questo treno e stiamo lavorando per crearne uno con più carrozze e una di queste dovrebbe ospitare una sorta di terapia intensiva. I bisogni sanitari restano molto importanti nelle zone del conflitto, nonostante il grandissimo movimento di volontari: cerchiamo di dare il nostro supporto dal punto di vista di cure specialistiche, abbiamo fatto diverse formazioni in diversi ospedali sia a Kiev che in altre aree del Paese su come poter gestire un grosso afflusso di feriti di guerra in contemporanea, cose che vediamo generalmente in Yemen e in Siria, e abbiamo rifornito gli ospedali vicino alla linea del fronte di medicine e kit di emergenza".

"Le guerre colpiscono i civili, gli inermi - sottolinea Debanne - ma questa immagine alla stazione è emblematica. Tutti gli attacchi sono da condannare, questo è stato molto visivo, con persone uccise mentre cercavano di perdere un treno per fuggire. Ci sono stati diversi ospedali colpiti, a Mykolaiv è stata attaccata un'area residenziale dove c'era un nostro team lì e un nostro mezzo è stato danneggiato. Ma colpire le ferrovie, che fino ad oggi sono state il mezzo con cui le persone sono riuscite a raggiungere l'ovest del Paese e da lì i paesi confinanti, dove è stato consigliato dalle autorità di andare, rende tutto più drammatico".

(di Silvia Mancinelli)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza