cerca CERCA
Domenica 25 Settembre 2022
Aggiornato: 00:05
Temi caldi

Volo MH17, il rientro delle salme in Olanda.

23 luglio 2014 | 08.19
LETTURA: 4 minuti

Giornata di lutto nazionale nel Paese: all'aeroporto di Eindhoven il rimpatrio di una parte delle vittime (FOTO). Le scatole nere arrivate in Gb: i dati saranno inviati agli inquirenti olandesi. Intelligence Usa: il volo MH17 colpito per errore dai separatisti. I filorussi consegnano le scatole nere, Mogherini: "Mosca collabori o nuove sanzioni"

alternate text

L'aereo dell'aeronautica militare olandese con a bordo le prime salme delle vittime dello schianto del Boeing 777 della Malaysia Airlines è atterrato all'aeroporto militare di Endhoven, in Olanda (FOTO).

Lutto nazionale - Nei Paesi Bassi è stata proclamata una giornata di lutto nazionale. La tragedia è costata la vita a 298 persone, 193 delle quali erano cittadini olandesi.

All'aeroporto di Eindhoven, il premier Mark Rutte e il re e la regina, Willem Alexander e Maxima, assieme ai familiari delle vittime e ai rappresentanti degli altri 10 Paesi di provenienza dei passeggeri che si erano imbarcati sul volo MH17. Dopo l'arrivo dei due velivoli, quello da trasporto australiano e quello militare olandese provenienti dall'Ucraina, i corpi verranno trasferiti nella città di Hilversum per l'identificazione, un processo, ha affermato il capo del governo, che potrebbe richiedere mesi.

Le scatole nere - Le scatole nere del Boeing 777 della Malaysia Airlines precipitato giovedì scorso nell'est dell'Ucraina sono state consegnate agli inquirenti olandesi e sono in seguito arrivate in Gran Bretagna per essere esaminate. Come precisato dall'Air Accidents Investigation Branch britannico, citato dai media locali, sono state consegnate a Farnborough, nell'Hampshire, dove gli esperti cercheranno di scaricare i dati registrati. Un portavoce del dipartimento dei Trasporti ha poi riferito che i dati scaricati saranno inviati agli inquirenti olandesi.

Le comunicazioni tra pilota e controllore - I servizi segreti ucraini (SBU) stanno intanto analizzando le registrazioni delle comunicazioni radio tra il pilota del Boeing malese abbattuto e i controllori aerei ucraini. Ancora non è stata fissata la data di consegna delle registrazioni agli esperti internazionali che si dovranno occupare di analizzarle. Le autorità sono entrate in possesso della registrazione a Dnepropetrovsk, poco dopo l'abbattimento dell'aereo il 17 luglio. Gli inquirenti sperano di ricavare dalle comunicazioni informazioni sulla rotta dell'aereo.

Intanto un portavoce militare a Kiev ha reso noto che i separatisti filorussi hanno abbattuto due aerei militari ucraini nell'est del Paese.

Berlino: collaborazione di Mosca e dei separatisti scarsa - Il governo di Angela Merkel ha accusato Mosca e i separatisti filorussi di scarsa collaborazione nel quadro della tragedia. "Continuano ad esserci problemi con il recupero dei cadaveri delle vittime, così come con il libero accesso di un gruppo di esperti internazionali sul luogo dei fatti" ha spiegato il viceportavoce del governo tedesco, Georg Streiter. Berlino è convinta che Mosca non influisce in modo sufficiente sui gruppi filorussi.

Ruolo di Mosca nell'abbattimento - I media americani, citando fonti dell'intelligence, hanno riferito che i servizi segreti degli Stati Uniti non hanno prove di una partecipazione diretta della Russia nell'abbattimento del Boeing 777 malese. Il volo MH17 della Malaysia Airlines, secondo funzionari rimasti anonimi, è stato probabilmente colpito per errore dai separatisti filorussi con un missile terra-aria del tipo SA-11.

Obama - Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama "ha apprezzato la posizione presa dal Consiglio Affari Generali dell'Ue che condanna con forza le azioni che hanno portato alla tragedia" del volo Mh17 "e apre la strada a nuove sanzioni contro coloro che stanno destabilizzando l'Ucraina". Lo si apprende da una nota della Casa Bianca diffusa dopo il colloquio del presidente Usa con il premier olandese Rutte.

I due leader - riferisce la Casa Bianca - hanno espresso "preoccupazione" per via delle nuove prove secondo cui Mosca continuerebbe ad armare i ribelli alla frontiera e ad appoggiare i separatisti.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza