cerca CERCA
Lunedì 03 Ottobre 2022
Aggiornato: 19:18
Temi caldi

Ucraina-Russia, Putin: ecco le richieste a Kiev

22 febbraio 2022 | 18.19
LETTURA: 2 minuti

Il presidente russo in conferenza stampa: l'Ucraina deve rinunciare all'adesione alla Nato, dimilitarizzare il Paese, riconoscere l'annessione della Crimea alla Russia

alternate text
(Afp)

"Se l'Ucraina si doterà di armi nucleari tattiche, sarà una minaccia strategica per la Russia. L'Ucraina ha avuto, nel suo passato sovietico, competenze nucleari molto vaste, in termini di reattori, tecnologia, conoscenze, specialisti. Sarebbe molto facile dotarsi di armi nucleari rispetto ai Paesi che devono iniziare da zero". Sono le parole del presidente russo, Vladimir Putin, in una conferenza stampa a Mosca. Tre le richieste di Putin all'Ucraina, in quello che è apparso come un ultimatum: il governo di Kiev dovrebbe ritirare la sua richiesta di adesione alla Nato, demilitarizzare il Paese e riconoscere l'annessione della Crimea alla Russia.

Leggi anche

La Russia, ha detto Putin, ha riconosciuto la sovranità delle regioni di Donetsk e Luhansk secondo i confini previsti "quando erano parte dell'Ucraina". Questo significa che Mosca ha riconosciuto un territorio molto più vasto di quello occupato, dal 2014, dalle Repubbliche popolari. "Riconosciamo la loro costituzione. E nelle costituzioni, i confini sono definiti entro i confini delle regioni di Donetsk e Luhansk, al momento in cui erano parte dell'Ucraina", ha dichiarato Putin.

Il presidente si è soffermato sulla prospettiva di un'Ucraina dotata di armi nucleari. "Non sono in grado di arricchire l'uranio. Ma è solo una questione di hardware, non è un problema che non siano in grado risolvere. Quanto ai sistemi di lancio di queste potenziali armi nucleari, hanno vecchi missili sovietici che possono colpire obiettivi a centinaia di chilometri di distanza", ha detto Putin.

"E anche se l'Ucraina si doterà di armi nucleari tattiche, sarà una minaccia strategica per la Russia. Ed è quello che consideriamo ora. Una volta che hai una capacità di lancio di cento chilometri, poi ce l'hai di duecento, poi di trecento. Mosca sarebbe a portata di un missile nucleare. E' per questo che consideriamo la questione tanto seriamente", ha aggiunto.

"Non ho detto che dopo questa conferenza stampa vedremo la presenza delle forze russe nelle Repubbliche" di Donetsk e Luhansk, ha detto Putin dopo una nuova riunione - oggi come al solito a porte chiuse - del Consiglio di sicurezza. "E' impossibile prevedere scenari, dipenderà dalla situazione sul terreno", afferma ancora.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza