cerca CERCA
Giovedì 02 Febbraio 2023
Aggiornato: 03:05
Temi caldi

Ucraina, Quirico: "Ambasciatore Russia querela? Prenda traduttore migliore"

25 marzo 2022 | 11.24
LETTURA: 1 minuti

"Nel pezzo ho scritto chiaramente che uccidere Putin era immorale e privo di senso"

alternate text
(Fotogramma)

"Suggerirei all'ambasciatore russo di leggere una migliore traduzione del pezzo, dove io sottolineavo che l'idea ahimè abbastanza corrente che l'unico modo di risolvere il problema sia che qualche russo ammazzi Putin fosse priva di senso e immorale, e questo c'era scritto bene in evidenza, e in secondo luogo che non porterebbe a niente e anzi porterebbe ad un caos maggiore". Ad dirlo all'Adnkronos è il giornalista Domenico Quirico de La Stampa, commentando a caldo la notizia che l'ambasciatore russo ha deciso di querelarlo per il suo articolo del 22 marzo dal titolo 'Se uccidere il tiranno è l'unica via d'uscita'.

"Evidentemente qualcuno gliel'ha tradotto male -sottolinea Quirico - Gli suggerirei di rileggerlo con attenzione e farselo tradurre bene, perché il senso è stato totalmente travisato, basta leggerlo". Nel pezzo di analisi, spiega il giornalista de La Stampa, "c'è scritto che il piano di sperare che Putin venga eliminato in una congiura di palazzo è prima di tutto difficilmente realizzabile e poi un piano totalmente idiota, perché ogniqualvolta c'è stato un tirannicidio nella storia il risultato è stato di complicare le cose invece che di risolverle".

In conclusione, "ognuno la può leggere come vuole, mi interessa in modo relativo -chiosa il cronista- Ma si prendano un traduttore dall'italiano al russo migliore di quello che hanno".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza