cerca CERCA
Martedì 06 Dicembre 2022
Aggiornato: 20:21
Temi caldi

Negoziati, Russia: "Possibile intesa su neutralità Ucraina"

16 marzo 2022 | 09.30
LETTURA: 2 minuti

Ma Kiev respinge i modelli svedese o austriaco: "Il modello può essere solo ucraino e solo con garanzie di sicurezza"

alternate text
(Afp)

Il tema della neutralità dell'Ucraina sul tavolo dei negoziati con la Russia. Kiev respinge il 'modello Svezia', citato nelle dichiarazioni da Mosca, mentre la guerra entra nella terza settimana. Sono ''negoziati difficili'' quelli in corso, ma ''c'è la possibilità di arrivare a un compromesso'' e si è ''vicini a raggiungere alcuni accordi'', ha detto il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov che, citato dalla Tass, ha precisato di basarsi sulle informazioni che arrivano dai negoziatori russi.

Leggi anche

''Il conflitto'' in corso in Ucraina ''definirà l'ordine mondiale'', ha detto ancora Lavrov secondo il quale la neutralità di Kiev viene valutata ''seriamente'' nei colloqui in corso tra le delegazioni di Mosca e Kiev. Colloqui in cui, ha sottolineato, alcuni accordi sono vicini ad essere raggiunti.

''Le questioni chiave per noi sono la sicurezza delle persone nell'Ucraina orientale e la smilitarizzazione dell'Ucraina'', ha detto ancora Lavrov, aggiungendo però che ci sono ''anche altre questioni importanti, incluso l'uso della lingua russa in Ucraina e la libertà di parola''.

Durante i colloqui di pace si sta parlando della possibilità di un'Ucraina neutrale sul modello della Svezia o dell'Austria, ha sottolineato il capo della delegazione russa, Vladimir Medinsky, secondo cui l'Ucraina potrebbe essere uno "Stato neutrale", ma con un proprio esercito e proprie forze navali. "Si discute dello sviluppo dello status neutrale dell'Ucraina, della smilitarizzazione dell'Ucraina - di tutta una serie di questioni relative alle dimensioni dell'esercito ucraino", ha detto Medinsky, citato dall'agenzia di stampa Ria Novosti.

"Si parla di modelli di neutralità svedesi o austriaci. Ma l'Ucraina è in uno stato di guerra diretta con la Russia. Pertanto, il modello può essere solo ucraino e solo con garanzie di sicurezza verificate giuridicamente. Non possono esserci altri modelli o opzioni. Cosa significa questo? In primo luogo, garanzie assolute sulla sicurezza assoluta. Efficaci, non da protocollo o tipo quelli di 'Budapest'", ha detto il consigliere della presidenza ucraina, Mykhailo Podolyak, su Telegram.

"Ciò significa - ha continuato - che i firmatari non possono restare da parte in caso di attacco all'Ucraina, come oggi, ma che partecipano attivamente al conflitto a fianco dell'Ucraina e ci forniscono ufficialmente la quantità necessaria di armi. E, in secondo luogo, l'Ucraina non vuole più dipendere da procedure burocratiche che consentono o non consentono di chiudere il cielo ai missili. Abbiamo bisogno di garanzie dirette e ferme che il cielo sarà chiuso. L’Ucraina non è mai stata uno Stato con intenzioni di attaccare il vicino, come invece il vicino ha fatto. Oggi l’Ucraina vuole avere una forte unione di alleati con delle precise garanzie scritte sulla sicurezza".

"La nostra posizione nei negoziati - ha poi ribadito - è piuttosto specifica: garanzie di sicurezza legalmente verificate; cessate il fuoco; ritiro delle truppe russe. Tutto questo è possibile solo con un dialogo diretto tra i leader di Ucraina e Russia".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza