cerca CERCA
Martedì 07 Febbraio 2023
Aggiornato: 23:52
Temi caldi

Ucraina-Russia, Scholz: "Non porteremo la Nato in guerra"

08 maggio 2022 | 19.38
LETTURA: 2 minuti

"Putin non vincerà, falsificare la storia è vergognoso"

alternate text
Afp

"Non prenderemo alcuna decisione che possa portare la Nato in guerra". Così il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, nel discorso televisivo in occasione del 77° anniversario della fine della seconda guerra mondiale in Europa. Scholz ha escluso qualunque azione unilaterale tedesca, spiegando che qualunque misura sarà coordinata "nel modo più stretto possibile con i nostri alleati", assicurando inoltre che la Germania "non farà nulla che possa danneggiare noi e i nostri partner più della Russia".

Leggi anche

"Non posso dirvi oggi quando e come finirà la crudele guerra della Russia contro l'Ucraina", ha poi detto Scholz. “Ma una cosa è chiara, non dovrebbe esserci una pace dettata dalla Russia. Gli ucraini non lo accetteranno, e nemmeno noi". Il cancelliere ha ricordato che "l'eredità dell'8 maggio" per il suo paese deve essere quella di aiutare a garantire che non ci saranno mai più genocidi o tirannia in Europa e ha aggiunto: “Sono profondamente convinto. Putin non vincerà la guerra", “l'Ucraina vuole prevalere. La libertà e la sicurezza vinceranno, proprio come la libertà e la sicurezza hanno trionfato sulla servitù, la violenza e la dittatura 77 anni fa".

"Falsificare la storia è vergognoso", ed è quello che fa Putin equiparando la propria "barbarica guerra di aggressione" alla lotta contro il nazionalsocialismo, "è nostro dovere affermarlo chiaramente", ha continuato.

In linea con i precedenti messaggi dei leader tedeschi del dopoguerra dell'8 maggio, Scholz ringrazia le forze alleate per la sconfitta della Germania nazista e afferma che il suo paese ha un debito sia con la Russia che con l'Ucraina, che hanno subito milioni di vittime durante la seconda guerra mondiale.

"Putin vuole sottomettere l'Ucraina, distruggendone la cultura e l'identità... [e] persino equipara la sua barbara guerra di aggressione alla lotta contro il nazionalsocialismo. Questo è falsificare la storia e malizioso. È nostro dovere affermarlo chiaramente ”, ha detto il cancelliere.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza