cerca CERCA
Giovedì 30 Giugno 2022
Aggiornato: 00:44
Temi caldi

'Abramovich avvelenato', sintomi dopo incontro a Kiev

28 marzo 2022 | 17.49
LETTURA: 2 minuti

Dolore agli occhi e desquamazione della pelle per l'oligarca russo, che avrebbe anche perso conoscenza per alcune ore

alternate text
(Fotogramma)

Roman Abramovich avvelenato? Il portavoce dell'oligarca russo ha confermato alla Bbc che il proprietario del Chelsea ha presentato sintomi di avvelenamento dopo un incontro negoziale informale a Kiev. In particolare, il portavoce di Abramovich ha parlato di dolore agli occhi e di desquamazione della pelle delle mani e del volto.

Leggi anche

Secondo quanto scrive il Financial Times citando una fonte vicina a Volodymyr Zelensky, Abramovich avrebbe perso conoscenza per alcune ore. ''Le persone sono diventate totalmente cieche il giorno dopo'', ha detto la fonte al Ft aggiungendo che ''non abbiamo identificato la sostanza. Non ho idea di chi ci fosse dietro l'attacco, ma sembra che Roman fosse l'obiettivo principale''.

Il sito investigativo Bellingcat ha rivelato che Abramovich e i negoziatori ucraini hanno sofferto sintomi di avvelenamento da "armi chimiche", ma che il dosaggio della tossina utilizzata sarebbe stato insufficiente per provocare problemi gravi, mentre era piuttosto inteso "probabilmente a spaventare". "Bellingcat può confermare che tre membri della delegazione che ha partecipato ai colloqui di pace tra Russia e Ucraina la notte tra il 3 e il 4 marzo hanno sofferto sintomi coerenti con l'avvelenamento con armi chimiche. Una delle vittime era l'imprenditore Roman Abramovich".

Le condizioni di salute di Abramovich e degli altri due negoziatori, tra cui il rappresentante dei tatari di Crimea Rustem Umerov, sono migliorate e i tre non sono in pericolo di vita. Su Twitter, Bellingcat ha spiegato che "Abramovich e un altro imprenditore russo hanno preso parte a negoziati insieme al deputato ucraino Rustem Umerov. I negoziati si sono tenuti il pomeriggio del 3 marzo in territorio ucraino e sono durati fino alle 22''. In seguito, ''i tre membri del team negoziale si sono ritirati in un appartamento a Kiev e durante la notte hanno iniziato a manifestare i primi sintomi, tra cui infiammazione agli occhi e alla pelle, e dolore lancinante agli occhi. I sintomi non sono diminuiti fino al mattino''.

Quindi, ''il giorno successivo il gruppo di negoziatori ha guidato da Kiev a Leopoli per dirigersi verso la Polonia e quindi a Istanbul, per continuare negoziati informali con i russi. A Bellingcat è stato chiesto un aiuto per individuare specialisti di armi chimiche che potessero eseguire un esame''. E ''in base a esami condotti in loco e da remoto, gli esperti hanno concluso che i sintomi erano molto probabilmente il risultato di un avvelenamento.

LA SMENTITA - Il capo dei negoziatori di Kiev e consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, Podolyak, ha tuttavia smentito il tentativo di avvelenamento di due componenti del team negoziale. ''Ci sono molte speculazioni'', ha detto Podolyak a 'Hromadske', parlando di ''varie teorie del complotto'' e invitando ad attenersi a ''comunicazioni ufficiali''. Tutti i negoziatori ucraini, ha detto, stanno "lavorando come al solito".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza