cerca CERCA
Sabato 18 Settembre 2021
Aggiornato: 19:14
Temi caldi

Ucraina: Sereni (Pd), Europa unita per non far tornare indietro la storia

17 marzo 2014 | 16.01
LETTURA: 2 minuti

''La comunità internazionale non può che assumere iniziative severe di fronte alla violazione palese del diritto internazionale. Ciò che sta accadendo in Ucraina è grave: non soltanto non può considerarsi legittimo il referendum in Crimea, dal risultato assolutamente prevedibile, ma non si può sottovalutare il significato dei movimenti di truppe russe in territorio ucraino e la raccolta di militari al confine''. Lo afferma la vice presidente della Camera, Marina Sereni.

''L'Europa -aggiunge- deve avere un punto di vista unitario, collaborare con gli Usa ed impegnarsi fino all'ultimo minuto utile per lasciare aperti margini di dialogo e di negoziato. Per questo, la diplomazia, pur in un momento di estrema difficoltà e mentre si susseguono notizie di atti che sembrano senza ritorno, come la mobilitazione dell'esercito di Kiev da una parte e la sintonizzazione sul fuso orario di Mosca dell'autoproclamata repubblica di Crimea dall'altra, deve continuare a lavorare''.

''I ministri degli esteri della Ue saranno oggi a Bruxelles per un importante confronto dove, oltre alla condanna del referendum e la decisione su eventuali sanzioni, deve trovare spazio la ricerca di una soluzione politica della crisi. I destini della Russia e dell'Europa, sotto il profilo economico ma anche della sicurezza, sono indissolubilmente legati e sarebbe un tragico errore portare indietro l'orologio della storia'', conclude Sereni.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza