cerca CERCA
Venerdì 03 Febbraio 2023
Aggiornato: 12:16
Temi caldi

Ucraina, Stoltenberg: "Russia debole, Putin sta fallendo"

11 ottobre 2022 | 16.31
LETTURA: 2 minuti

Il segretario generale della Nato: "E' nostro interesse che Kiev vinca guerra, più sostegno per difesa e per liberare territori"

alternate text
(Foto Afp)

Il presidente russo Vladimir Putin "sta fallendo in Ucraina. I tentativi di annessione" alla Russia di alcune province, "la mobilitazione parziale" dei riservisti e la "sfrenata retorica nucleare" rappresentano "l'escalation più significativa dall'inizio della guerra" e non sono altro che "il segno che questa guerra non sta andando come previsto" da Mosca. Ad affermarlo il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg, in conferenza stampa a Bruxelles, alla vigilia della ministeriale Difesa dell'Alleanza atlantica.

Leggi anche

"Quello che abbiamo visto ieri - prosegue - è un segno di debolezza. Stanno perdendo sul campo di battaglia", non hanno "alternative", e quindi "rispondono con attacchi indiscriminati sui civili. Perdono terreno e devono ricorrere al lancio di missili contro obiettivi civili", conclude. 

Con la ministeriale Difesa di domani, la Nato "aumenterà il sostegno all'Ucraina, perché si possano continuare a difendersi e a liberare i territori" occupati dai russi. "L'Ucraina ha una marcia in più ora e continua a fare progressi significativi, mentre la Russia ricorre sempre di più ad attacchi orribili e indiscriminati contro i civili e le infrastrutture critiche", ha detto ancora Stoltenberg aggiungendo: "Abbiamo un interesse morale, politico e di sicurezza affinché l'Ucraina vinca la guerra contro Putin".

La Nato deve prepararsi a sostenere Kiev "nel lungo periodo", ha affermato. "Dato che la guerra continua, diventano sempre più importanti il carburante, le forniture, i pezzi di ricambio". Inoltre, "i sistemi di difesa aerea stanno facendo la differenza, perché molti missili russi vengono abbattuti dalle forze ucraine" prima che centrino l'obiettivo. Domani i ministri discuteranno di come "possiamo assicurare non solo la consegna dei sistemi antimissile, ma anche l'addestramento, i pezzi di ricambio e le munizioni", ha continuato.

Le "minacce velate" di Putin sul possibile uso di armi nucleari sono "pericolose e irresponsabili. La Russia sa che una guerra nucleare non può essere vinta e non dovrebbe mai venire combattuta. Monitoriamo attentamente le forze atomiche russe e non abbiamo visto alcun cambiamento nell'atteggiamento nucleare di Mosca, ma restiamo vigili", ha quindi detto il segretario generale della Nato .

La settimana prossima la Nato terrà delle "esercitazioni di deterrenza pianificate da lungo tempo" e "di routine", volte anche ad assicurare che "il deterrente nucleare" della Nato rimanga "sicuro ed efficace". L'Alleanza è stata "aperta sull'esercitazione e manderemmo un segnale sbagliatissimo se cancellassimo ora un'esercitazione di routine, pianificata da tempo, perché c'è la guerra in Ucraina. Sarebbe assolutamente il segnale sbagliato da mandare. Il comportamento prevedibile e saldo della Nato, la nostra forza militare sono il modo migliore per prevenire un'escalation", ha concluso.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza