cerca CERCA
Venerdì 09 Dicembre 2022
Aggiornato: 04:57
Temi caldi

Ucraina, vicepremier Vereschuck: "Entro fine anno il Donbass sarà liberato e restituito a confini 24 febbraio"

07 ottobre 2022 | 13.58
LETTURA: 4 minuti

La vice premier dell'Ucraina: "Tutto si deciderà sul campo di battaglia. Alle minacce di armi non convenzionali di Putin rispondano potenze nucleari".

alternate text
Iryna Vereschuck, vice premier ucraina con delega al Ministero per la reintegrazione dei territori occupati

"Se tutto andrà secondo i nostri piani, speriamo che entro fine anno il Donbass verrà liberato e restituito ai confini precedenti il 24 febbraio. Cioè, libereremo i territori conquistati dai russi dal 24 febbraio in poi". Lo annuncia all'Adnkronos Iryna Vereschuck, vice premier ucraina con delega al Ministero per la reintegrazione dei territori occupati che aggiunge: "Parlando del Donbass, tutto dipenderà dall'artiglieria a lungo raggio che sarà a nostra disposizione e di cui abbiamo estremo bisogno".

Leggi anche

La vice premier spiega: "La guerra nel Donbass dura da 8 anni. Lì, il nemico ha delle postazioni ben fortificate. L'artiglieria a lungo raggio ci occorre per prevenire l’arrivo dei nuovi convogli con le armi e di personale effettivo". "In generale - constata - posso dire che il governo è soddisfatto della controffensiva militare. Per esempio, il mio ministero si occupa tra l'altro degli assegni sociali da distribuire sui territori de-occupati. Devo dire - riferisce - che noi non sempre facciamo in tempo ad arrivare tanto rapidamente con gli aiuti quanto rapidamente i nostri militari riconquistano i centri abitati".

Il presidente Zelensky ha ratificato la decisione del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale con cui stabilisce l’impossibilità di intrattenere negoziati finché al potere ci sarà Putin. Ci sarà guerra fino alla fine? "Io sostengo la decisione del Presidente. È evidente che Putin non vuole nessuna pace. E, purtroppo, non ci sarà pace con lui", risponde Iryna Vereschuck, che sollecitata dall'Adnkronos sull'esistenza di qualche margine di trattativa, replica: "Vedremo. Ma con Putin è impossibile condurre qualsiasi tipo di negoziato. Lui lo ha dimostrato a tutti e a tutto il mondo".

E' sempre più probabile la possibilità di un test nucleare preparato da Putin al confine ucraino? "Più dura sarà la risposta delle potenze nucleari occidentali, minore sarà il rischio che Putin usi armi non convenzionali in Ucraina - risponde la vice premier - Sono assolutamente convinta che il ricorso al nucleare da parte di Putin dipenda proprio dalla risposta chiara e univoca dell'Occidente, che deve spiegare al presidente russo che in caso di attacco nucleare da parte dei russi la controffensiva dell'Occidente sarà nucleare". "A mio avviso devono rispondere alle minacce di Putin altre potenze nucleari". Vereschuck ricorda: "E' la prima volta che un paese nucleare fondatore dell’Onu ha aggredito un altro paese fondatore dell’Onu. Inoltre per la prima volta nella storia dell’umanità una potenza nucleare ha aggredito uno stato che aveva ceduto volontariamente le proprie armi atomiche, sotto le garanzie di sicurezza di quello stesso paese nucleare".

Vereschchuk, figura chiave del governo ucraino insieme al presidente Volodymyr Zelensky, non si fa annebbiare dalla perdita di consensi in Patria da parte di Putin: "A me non interessa quanto sostegno abbia Putin in Russia. Mi interessano i successi delle nostre forze armate sul territorio del nostro Stato. E queste vittorie impressionano. Soltanto nelle ultime settimane siamo riusciti a riconquistare più di 500 centri abitati e oltre 9 mila km quadrati della nostra terra", dice all'Adnkronos. Le ammissioni di perdite a Kherson da parte dei russi nel giorno della ratifica da parte del Senato russo delle quattro annessioni "sono ciò che ha importanza. Come vengono commentate da blogger, politici o cittadini russi perdite e disfatte a noi non interessa".

Piuttosto una città di importanza strategica come Lyman riconquistata dall'Ucraina nei giorni scorsi è al centro dell'attenzione del lavoro della Ministra per la reintegrazione dei territori temporaneamente occupati: "Sono state già trovate delle fosse comuni con dei civili torturati", racconta all'Adkronos "Il mio vice lavora già da ieri con le squadre di ricerca per quanto riguarda l’esumazione dei corpi", comunica.

Infine uno sguardo a Elon Musk e ai suoi recenti post in cui l'imprenditore predica che l'Ucraina dovrebbe 'rimanere neutrale' e che la Crimea dovrebbe restare alla Russia com’è sempre stato "fino all’errore di Krusciov": "Da Starlink ci aiutano davvero molto, sia per quanto riguarda l'esercito che i civili nei territori occupati. Un enorme grazie per questo a Musk. Ma le sue idee sono illusioni", controbatte Iryna Vereschuck. "Musk non è l'unico a ragionare di compromessi con Putin. Ma non sono possibili. Per questo - conclude - tutto sarà deciso sul campo di battaglia".

(di Roberta Lanzara)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza