cerca CERCA
Giovedì 02 Febbraio 2023
Aggiornato: 03:05
Temi caldi

Ucraina, Zelensky: "65mila morti russi da inizio guerra"

16 ottobre 2022 | 09.37
LETTURA: 1 minuti

Uomini e donne che hanno dato la vita "per un pugno di persone al Cremlino che ignora la realtà", ha affermato

alternate text
(Fotogramma)

Il presidente dell'Ucraina, Volodimir Zelensky, ha assicurato che la Russia ha già dovuto piangere circa 65.000 morti dall'inizio del conflitto a febbraio. Uomini e donne che hanno dato la vita "per un pugno di persone al Cremlino che ignora la realtà". Zelensky ha inoltre affermato che anche nel caso in cui i cittadini russi deceduti salgano a 100.000, l'entourage del presidente russo Vladimir Putin non rifletterebbe.

Leggi anche

L'esercito ucraino sta facendo "tutto il possibile" per abbattere più missili e droni nemici e neutralizzare più postazioni nemiche. "Solo le vere vittorie dell'Ucraina, solo la vera difesa di se stessa contro il terrore e il ricatto russi, la protezione con sanzioni alla Russia e aiuti all'Ucraina, totale cacciata degli occupanti della terra ucraina e smantellamento delle capacità aggressive russe sono la sola via della pace", ha aggiunto il presidente ucraino.

Zelensky ha anche fatto riferimento ai danni alle centrali elettriche e alle possibili interruzioni di corrente, dove ha assicurato che stanno lavorando per ripristinare il servizio. Allo stesso modo, ha evidenziato lo sforzo volto a ristabilire l'ordine dei servizi sociali nelle aree liberate di Kherson, Kharkov e Donetsk.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza