cerca CERCA
Sabato 04 Febbraio 2023
Aggiornato: 15:45
Temi caldi

Ucraina, Zelensky: "Russia vuole una tregua per riprendere forza"

19 novembre 2022 | 13.06
LETTURA: 4 minuti

Attacco a Zaporizhzhia, 17mila persone senza riscaldamento

alternate text
(Afp)

La Russia sta cercando un'opportunità per raggiungere una "breve tregua" per riprendere forza: quindi la guerra non finirà in questo modo. Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky durante un discorso all'International Security Forum di Halifax.

Leggi anche

"La cessazione della guerra di per sé non garantisce la pace - ha affermato Zelensky, respingendo ogni ipotesi di concessione sul territorio ucraino o sulla sovranità in cambio della pace - La Russia ora cerca una breve tregua per recuperare le forze. Alcuni potrebbero definirla la fine della guerra, ma una tale tregua non farà che peggiorare la situazione".

"L'Ucraina non si inginocchierà davanti ai russi" ha scritto su Twitter il consigliere presidenziale ucraino Mykhailo Podolyak, aggiungendo che "non è una questione di politica. È una questione che riguarda la nostra esistenza" e respingendo in tal modo quelle che ha definito "teorie del complotto" sulla resa del suo Paese.

"FUORI USO QUASI METÀ SISTEMA ENERGETICO" - "Purtroppo la Russia continua a effettuare attacchi missilistici contro le infrastrutture civili e critiche dell'Ucraina. Quasi la metà del nostro sistema energetico è disabilitato" ha detto il primo ministro ucraino Denys Shmyhal in una conferenza stampa. Mykola Povoroznyk, vice capo dell'amministrazione di Kiev, ha spiegato che la città si sta "preparando a diversi scenari, inclusa una chiusura completa".

ZAPORIZHZHIA - Più di 17.000 persone sono rimaste senza riscaldamento a causa dell'attacco missilistico dell'esercito russo su Zaporizhzhia. Lo ha scritto su Telegram il capo dell'Amministrazione militare regionale Oleksandr Starukh.

"La conseguenza dell'attacco nemico notturno a Zaporizhzhia è stata un'interruzione della fornitura di riscaldamento in uno dei quartieri della città. Le esplosioni dei razzi hanno danneggiato le condutture del riscaldamento centrale e interrotto la fornitura a 123 grattacieli, in cui vivono più di 17.000 persone", ha scritto Starukh, aggiungendo che i servizi di emergenza stanno attualmente svolgendo i lavori di riparazione negli impianti.

KHERSON - Il primo treno passeggeri dall'inizio della guerra, proveniente da Kiev, è arrivato a Kherson. Lo rende noto il giornale locale 'Most', aggiungendo che i 200 passeggeri che hanno acquistato i 'Victory Tickets' sono arrivati ​​nella città liberata. Nel treno è presente anche un vagone postale che ha portato a Kherson lettere e pacchi.

I collegamenti ferroviari da Kherson si sono interrotti il 24 febbraio, quando è iniziata l'invasione della Federazione Russa in Ucraina. Durante l'occupazione della città non c'erano voli di linea o treni di evacuazione da altre regioni dove continuavano le ostilità.

CRIMEA - I soldati delle forze armate ucraine potranno restituire la Crimea temporaneamente occupata già all'inizio dell'inverno. Lo ha dichiarato il viceministro della Difesa dell'Ucraina Volodymyr Gavrylov in un'intervista a Sky News, nella quale ha osservato che le forze armate ucraine riprenderanno il controllo della Crimea probabilmente entro la fine di dicembre di quest'anno.

Commentando le prospettive dei colloqui di pace con il Cremlino, il vice capo del ministero della Difesa ha affermato che si svolgeranno solo dopo che la Russia avrà lasciato completamente il territorio dell'Ucraina, compreso il territorio della Crimea e parti dell'est del Paese.

"C'è una decisione in questo senso all'interno della società ucraina - ha detto - Non importa quale sceneggiatura ci sia sul tavolo. Le persone hanno pagato molto sangue, molti sforzi per ciò che abbiamo già raggiunto, e tutti sanno che qualsiasi ritardo o conflitto congelato è solo una continuazione di questa guerra contro l'esistenza dell'Ucraina come nazione".

IL MISSILE NUCLEARE CON TESTATA 'FITTIZIA' - La Russia avrebbe lanciato in territorio ucraino un missile nucleare Kh-55 di fabbricazione sovietica, ma armato con una testata 'fittizia'. Lo ha rivelato il sito ucraino Defense Express, citando fonti militari di Kiev. Il missile Kh-55, noto anche come X-55, è stato progettato e prodotto in epoca sovietica per trasportare bombe nucleari fino a 2.500 chilometri di distanza e viene lanciato da bombardieri.

Secondo gli analisti, il missile sarebbe stato lanciato martedì scorso per "inviare un messaggio" a Kiev e agli alleati occidentali su una possibile escalation nucleare del conflitto. Oppure potrebbe essere il segno che Mosca sta esaurendo le sue riserve di missili di precisione e per questo sta facendo ricorso a missili con capacità nucleare.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza