cerca CERCA
Giovedì 21 Gennaio 2021
Aggiornato: 16:27

Ue, Conte: "Confronto su Recovery diventa risolutivo"

20 luglio 2020 | 07.31
LETTURA: 2 minuti

Il premier: "Ci stiamo avvicinando allo zoccolo duro delle rispettive posizioni"

alternate text
(Afp)
Bruxelles, 20 lug. (AdnKronos)

Nella trattativa sull'Mff 2021-27 e su Next Generation Eu "ci stiamo avvicinando allo zoccolo duro delle rispettive posizioni" e il "confronto diventa più risolutivo". Lo dice il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, rientrando in hotel a Bruxelles, dopo la notte di lavori nel palazzo del Consiglio Europeo. "Spero che si possano iniziare a valutare alcuni aggiornamenti delle poste, frutto dell'intensa negoziazione di questi giorni", afferma.

Il premier ha spiegato che nel Consiglio Europeo si continua a trattare al ribasso sul pacchetto Mff 2021-27-Recovery Plan, "intervenendo a ridurre l’ammontare, a compromettere l’efficacia, a frapporre vari ostacoli operativi", quindi inizia a venire il sospetto che "non si voglia rendere effettivo uno strumento che è nell’interesse di tutti che funzioni".

Quindi ha anticipato che il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel "proporrà una soluzione" che prevede una "riduzione dei trasferimenti a 400 miliardi e 390 miliardi" del Recovery Plan. La soluzione da 400 mld di trasferimenti "condurrebbe un maggiore sconto", cioè un rebate aumentato, "per i Paesi che ne hanno diritto e quella da 390 mld uno sconto minore", spiega ancora Conte.

Per quanto riguarda la governance dei piani nazionali di ripresa e di resilienza necessari per accedere alla Recovery and Resilience Facility, il 'cuore' del piano, "abbiamo indirizzato il procedimento di verifica dello stato di avanzamento dei progetti secondo una soluzione più corretta, rispettosa delle competenze dei vari organi definite dai trattati".

Per Conte, tuttavia, "questa negoziazione volta ad abbassare il livello di efficacia della reazione europea non ha senso. I trasferimenti sono necessari a una pronta ripresa per rafforzare la resilienza dei paesi che hanno più difficoltà nella crescita economica". "Il Recovery Plan - ha sottolineato - non può diventare uno strumento per condurre battaglie ideologiche. Chi oggi si contrappone alla chiusura di questo negoziato e pensa di acquisire nell’immediato maggiore consenso sul piano interno deve però pensare che non solo la storia gli chiederà il conto ma che i suoi stessi cittadini, superata la reazione emotiva, si renderà che quella di stasera è stata una valutazione miope che ha portato a una decisione che ha contribuito ad affossare il mercato unico e la libertà di sognare delle nuove generazioni", ha concluso.

 

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza