cerca CERCA
Martedì 16 Agosto 2022
Aggiornato: 00:06
Temi caldi

Ue: interrogazione, vuoto normativo su etichettatura carne coniglio

07 ottobre 2014 | 15.58
LETTURA: 2 minuti

Sernagiotto (Fi) a Commissione europea: "Manca obbligo".

alternate text

Una soluzione europea per la mancanza dell'obbligo di etichettatura sulla carne di coniglio. E' questa la richiesta dell'europarlamentare Remo Sernagiotto (Forza Italia) fatta alla Commissione europea con un'interrogazione. Due gli interrogativi di Sernagiotto. "Primo: qual è lo stato attuale -si chiede- della valutazione d'impatto e di fattibilità della possibile estensione dell'indicazione obbligatoria del paese di origine o del luogo di provenienza per le carni di coniglio? Quali misure intende adottare la Commissione per tutelare la salute dei consumatori e per prevenire le frodi e l'eventuale concorrenza sleale per il settore cunicolo italiano ed europeo derivanti dall'assenza dell'etichettatura obbligatoria di origine?".

La domanda dell’europarlamentare è sorta dal confronto con i produttori di carni di coniglio: nel Veneto si concentra oltre il 40% della produzione, per un fatturato di 400 milioni di euro pari alla metà del volume d'affari nazionale. Le province a maggior vocazione sono Treviso seguita da Verona, Padova e Vicenza. Numeri importanti riguardano anche l’occupazione: l'allevamento di conigli dà lavoro a 10 mila addetti, 5 mila dei quali in Veneto.

"L'Italia secondo recenti dati statistici Istat -ricorda Sernagiotto- importa dalla Francia il 55% di carne cunicola, il 26% dall'Ungheria e il 16% dalla Spagna. Durante il 2013 dalla Francia sono entrati quasi 15.000 quintali di conigli macellati con un incremento del 22% rispetto al 2012. I nostri allevatori -spiega l'europarlamentare- devono essere tutelati per questo ho deciso di portare la loro voce in Europa. E' necessario che sia resa obbligatoria anche l'etichettatura delle carni di coniglio e che l’etichetta riporti e dove è nato l’animale, dove è stato ingrassato e dove è stato macellato. C’è un buco normativo che va colmato".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza