cerca CERCA
Martedì 05 Luglio 2022
Aggiornato: 07:25
Temi caldi

'Ultimo' proclamato presidente del sindacato militare

02 febbraio 2019 | 13.09
LETTURA: 4 minuti

alternate text
(Foto Adnkronos)

Sergio De Caprio, il 'Capitano Ultimo che catturò Totò Riina, è stato nominato Presidente del neocostituito SIM (Sindacato Italiano militare) carabinieri. De Caprio è stato proclamato all'unanimità dai 250 militari dell'Arma, giunti da ogni parte d'Italia, che si sono riuniti in un albergo di Roma per prendere parte alla prima assemblea generale del sindacato. "Per me è un onore, è un privilegio. Penso a tutti coloro che hanno combattuto fino ad oggi per questo traguardo, subendo anche discriminazioni. La strada che percorreremo punterà alla tutela dei diritti. Tutti insieme - ha detto il Presidente 'Ultimo' - per impedire che ci dividano in particelle da calpestare, siamo un amore grande e andremo avanti insieme".

De Caprio affronta questo nuovo incarico "con umiltà, con grande senso di responsabilità. Io non ho paura e so che siete i miei fratelli", ha aggiunto rivolgendosi via telefono ai presenti. Alla segreteria generale del sindacato è stato nominato il brigadiere capo Antonio Serpi, il sottufficiale che ha ricevuto dalla ministra della Difesa Elisabetta Trenta l'atto di assenso per la costituzione del primo sindacato militare italiano.

Tutela legale, della salute, previdenziale, condizioni contrattuali, prevenzione degli infortuni, sostegno psicologico: questi gli ambiti in cui si articolerà l'azione della neonata organizzazione sindacale, "il primo sindacato militare della storia" come è stato definito dai promotori suscitando l'ovazione dei presenti in una sala stracolma e commossa. Al microfono si sono succedute le testimonianze di chi ha dedicato anni al raggiungimento di questo traguardo, a volte subendo ripercussioni di carriera e procedimenti disciplinari per un obiettivo che fino a pochi mesi fa era precluso ai cittadini con le stellette.

Il neo segretario Antonio Serpi, dopo aver elogiato "il ministro della Difesa Elisabetta Trenta che, lanciando il cuore oltre l'ostacolo, ha firmato la prima autorizzazione a costituire il sindacato" e ringraziato il comandante generale dell'Arma, Giovanni Nistri, "per non avere avuto dubbi a dare il proprio parere positivo", ha sottolineato la "perseveranza" di tutti coloro che hanno lottato per arrivare all'appuntamento di oggi. "Il vento del cambiamento soffia nella nostra istituzione, con l'evoluzione dell'esperienza della Rappresentanza", ha aggiunto. All'assemblea costitutiva del nuovo sindacato ha preso parte anche Giorgio Carta, avvocato specializzato in diritto militare e da sempre vicino alle istanze della base. Nell'evidenziare l'importanza dello storico passo compiuto oggi in materia di tutele sindacali, il legale ha osservato: "Non voglio più vedere davanti a me un carabiniere che mi dice 'non ho paura di un rapinatore con la pistola in mano, ho paura in caserma'".

L'organigramma del Sim Carabinieri si compone anche del nome di Massimiliano Zetti (segretario generale aggiunto) e dei segretari nazionali Roberto Di Stefano, Luca Spagnolo, Salvatore Iandiorio, Donato Caputo, Emanuele Donno, Antonio Aprile, Luigi Avveduto, Vincenzo Bonaccorso e Riccardo Monti. Nell'ufficio di presidenza, insieme al Presidente De Caprio, il Vice Presidente Vito Turco.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza