cerca CERCA
Lunedì 18 Ottobre 2021
Aggiornato: 23:24
Temi caldi

Coronavirus: Unicef, un terzo degli studenti senza accesso a didattica a distanza

27 agosto 2020 | 09.12
LETTURA: 1 minuti

Secondo l'Unicef i numeri parlando di un'emergenza educativa globale che avrà ripercussioni economiche e sociali nei prossimi decenni

alternate text

L'emergenza sanitaria da Coronavirus che ha portato alla chiusura delle scuole, che ha interessato quasi 1,5 miliardi di bambini nel mondo durante i lockdown, ha acceso i riflettori anche su un dato preoccupante: secondo l'Unicef, infatti, a livello globale un terzo degli studenti non può usufruire della didattica a distanza perché non ha accesso a internet, non possiede un pc o non è in grado di utilizzare gli strumenti necessari.

Nell'Africa subsahariana quasi la metà degli studenti non è raggiunta dalle lezioni online; non va meglio nell'Europa orientale e in alcuni parti dell'Asia dove ad essere esclusi dalla scuola da remoto sono più di un terzo dei ragazzi e delle ragazze, mentre - secondo l'Unicef - gli alunni più giovani, quelli più poveri o che vivono nelle aree rurali, rischiano di esere completamente esclusi dall'apprendimento digitale.

"Per almeno 463 milioni di bambini le cui scuole hanno chiuso a causa del Covid-19, non esiste l'apprendimento a distanza - denuncia la direttrice dell'Unicef Henrietta Fore - L'enorme numero di bambini la cui istruzione è stata completamente interrotta, per mesi, rappresenta un'emergenza educativa globale. Le ripercussioni potrebbero essere avvertite nelle economie e nelle società per i decenni a venire".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza