cerca CERCA
Mercoledì 30 Novembre 2022
Aggiornato: 11:43
Temi caldi

"Una revisione gli farà bene", parla il parroco di Di Maio

29 maggio 2019 | 10.46
LETTURA: 4 minuti

Il consiglio del confessore al capo pentastellato: "La politica non è un affare privato, recuperi ideali che lo hanno spinto a scendere in campo col movimento e, se ci crede, vada avanti"

alternate text
(Fotogramma)

"Una revisione farà bene a Luigi, deve recuperare gli ideali che lo hanno spinto a scendere in politica. La politica non è un affare privato. Se ci crede, vada avanti, ma recuperando il lavoro di squadra". Nel giorno in cui il M5S 'processa' il vicepremier Luigi Di Maio, arrivano anche i consigli dell'amico parroco di Pomigliano, don Peppino Gambardella, suo padre spirituale. "E' diventato un po' difficile ora parlare con Luigi ma vorrei dirgli che una revisione non gli farà male - osserva all'Adnkronos don Gambardella -. Penso che abbia messo in conto che sarebbero arrivati tempi duri e difficili. Vorrei invitarlo a non abbattersi, a sapere reagire, ma una revisione la dovrà fare, richiamando quegli ideali che lo hanno spinto a scendere in politica e a lavorare per il movimento. Deve tornare a un lavoro di squadra".

Alla luce dell'esito delle europee c'è chi accusa Di Maio di avere assunto troppi incarichi e di essere stato un uomo solo al comando. "Da uomo di Chiesa - osserva il padre spirituale - lo incoraggerei a creare una maggiore sinergia col movimento, a lavorare più di squadra, perché il movimento è fondato sulla condivisione e sul rapporto con i territori e certamente, in qualche momento, l'identità del movimento, nel confronto con la Lega, si è perduto. Sarà il caso di ritrovare le modalità per mantenere gli impegni di servizio".

Quanto a eventuali dimissioni da parte del vicepremier, il sacerdote rileva: "Questo è un discorso interno al movimento. A lui come amico vorrei dire di non abbattersi, di mettere nel conto che la revisione potrà fargli del male ma la politica è un servizio, non è un affare privato e personale e lui deve continuare nella strada di servizio per il Paese. I compiti si portano avanti, se Luigi ci crede deve andare avanti a condizione di tornare al lavoro di squadra".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza