cerca CERCA
Giovedì 20 Gennaio 2022
Aggiornato: 14:36
Temi caldi

Moda: Unc, come evitare di 'sposare' fregature il giorno del sì

29 settembre 2014 | 16.15
LETTURA: 4 minuti

Dona: "Sempre presenti lamentele su pranzi prenotazioni e caparre".

alternate text

"Sposarsi è una cosa bellissima, ma perché la festa sia piena è necessario che tutto fili liscio anche dal punto di vista organizzativo, senza incassare fregature". Questa la ricetta di Massimiliano Dona, segretario generale dell'Unione nazionale consumatori (Unc) e da pochi giorni convolato a nozze. "Allo sportello dell'Unione -fa notare- non mancano le lamentele per i pranzi di nozze organizzati nei ristoranti oppure presso ville e locali affittati per l'occasione".

"La casistica è quanto mai varia e comincia -avverte- dalla prenotazione, poiché può capitare che le nozze vadano a monte o che gli invitati siano molti di meno rispetto alle previsioni".

"Il Codice del consumo -ricorda Dona- non disciplina la prenotazione, dunque la disdetta segue le regole generali del Codice civile. Se il ristorante chiede una caparra secondo gli usi e consuetudini non dovrebbe essere superiore al 25%".

"Per il consumatore -continua- è meglio che nella ricevuta sia definita 'caparra penitenziale': in questo caso, infatti, il ristoratore incamera la somma, ma non può agire per ulteriori risarcimenti. Se, invece, la caparra è 'confirmatoria' o se non viene versato alcun acconto, il ristorante può agire per il risarcimento del danno (oltre a incamerare la caparra), ma deve dimostrarlo, per esempio provando che ha già sopportato delle spese o che ha dovuto rifiutare un’altra prenotazione per la data concordata, il che non è facile".

"​Quasi sempre i pranzi collettivi -sottolinea- non sono 'alla carta', ma si raggiunge un accordo sulle portate, sul servizio e sul prezzo. Onde evitare malintesi e contestazioni, è quanto mai opportuno che tale accordo sia sotto forma di preventivo scritto firmato dal ristoratore, con i maggiori dettagli possibili".

Un altro motivo delle liti successive sono le porzioni. "I ristoranti non hanno alcun obbligo -rimarca il segretario generale Unc- di servire giuste porzioni, poiché sono esercizi di somministrazione (e non negozi che devono vendere 'a peso'), quindi possono fare quello che vogliono, a meno che le porzioni minime non siano definite".

"Poiché il pranzo non è 'alla carta' -spiega- cade anche la regola che impone ai ristoranti di specificare nel menù se usano materie prime o ingredienti congelati. Un motivo in più (anche qualora ci si affidi al classico catering) per chiarire questi aspetti nell’accordo scritto, soprattutto in relazione al prezzo pattuito e al decoro qualitativo che si vuole dare al pranzo, altrimenti ogni lamentela successiva non ha fondamento giuridico".

Lo stesso vale per il vino. "In genere i ristoranti applicano sulle bottiglie -afferma Dona- un ricarico che è il triplo del prezzo d’acquisto e non ha senso accordarsi sul servizio di un generico 'Pinot grigio', che può essere una bottiglia venduta al supermercato a 2 euro. Bisogna vedere chi è il produttore (cioè farsi specificare il nome della cantina) e verificare che il ricarico non sia spropositato".

Inoltre, precisa, "per evitare discussioni successive, nel preventivo scritto si dovrà anche prevedere una proporzionale riduzione del prezzo in caso di defezioni del numero dei partecipanti al pranzo, da comunicare al ristoratore con un certo anticipo".

I problemi possono sorgere anche per le liste di nozze. "Le liste di nozze -precisa- sono quei contratti con un certo negoziante (generalmente di articoli per la casa) con il quale ci si accorda perché gli invitati possano scegliere il regalo più appropriato recandosi nello stesso negozio, in modo da evitare i doppioni attraverso la consultazione della lista".

"Anche qui, a parte qualche ricarico, si dovrebbe certi -rimarca- di non perdere i diritti di garanzia, facendosi consegnare dal negoziante una ricevuta che specifichi la data di consegna dei vari articoli (perché è da questo momento partono i due anni di garanzia)".

"Discorso a parte meriterebbero le controversie -conclude- con fotografi e cineoperatori o quelle con l'agenzia di viaggi incaricata della luna di miele: ma prima di parlare di questo aspetto di ricevere l'album fotografico del mio matrimonio e di tornare da viaggio di nozze".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza