cerca CERCA
Mercoledì 08 Dicembre 2021
Aggiornato: 08:12
Temi caldi

UniCredit, parte l'aumento di capitale più grande di sempre: tutto quello che c'è da sapere

06 febbraio 2017 | 12.06
LETTURA: 3 minuti

alternate text
- Unicredit bancomat

Ha preso il via oggi il maxi aumento di capitale di UniCredit da 13 miliardi di euro, la ricapitalizzazione più imponente a cui Piazza Affari abbia mai assistito.

Le azioni UniCredit sono partite da un prezzo di 13,11 euro, mentre il diritto di opzione è stato quotato a 13,05, in base ai calcoli di Borsa Italiana. L'operazione prevede un'offerta di 13 nuove azioni ogni 5 vecchie azioni possedute; il prezzo di sottoscrizione è stato fissato a 8,09 euro per azione.

Lo sconto sul Terp (Theoretical ex right price, ovvero il prezzo teorico di un’azione dopo lo stacco del diritto di opzione riservato agli azionisti, ndr) è del 38%.

La conclusione dell'operazione è prevista per il 23 febbraio per quanto riguarda i "diritti di opzione esercitati nel corso del periodo di sottoscrizione" ed entro il 10 marzo in riferimento alla "parte rimanente dell’offerta in opzione".

L'aumento di capitale comporterà l’emissione di circa 1,6 miliardi di nuove azioni ordinarie, "per un controvalore complessivo pari a massimi 12.999.633.449,53 (di cui massimi euro 16.068.768,17 a titolo di capitale e massimi 12.983.564.681 euro a titolo di sovrapprezzo)". Oltre a un'offerta al pubblico in Italia, è prevista un'offerta anche in Germania e Polonia. L'ammontare delle spese per l'aumento di capitale, scrive la Consob, "è stimato in circa massimi 500 milioni di euro".

Il consorzio di garanzia è coordinato e diretto da UniCredit Corporate & Investment Banking, Morgan Stanley e Ubs, che agiranno come structuring advisor. Del pool fanno parte anche BofA Merrill Lynch, J.P. Morgan e Mediobanca, che invece svolgono il ruolo di joint global coordinator e di joint bookrunner.

"Il contratto di garanzia contiene, tra l'altro, le usuali clausole che condizionano l'efficacia degli impegni di garanzia ovvero attribuiscono ai membri del consorzio di garanzia la facoltà di recedere dal contratto, in linea con la prassi internazionale", ha spiegato l'istituto guidato da Jean Pierre Mustier.

All'aumento di capitale della banca di Piazza Aulenti aderirà la Fondazione Cariverona, la quale sottoscriverà fino al 73% delle nuove azioni che verranno offerte in opzione da UniCredit con riguardo alla partecipazione del 2,23% attualmente detenuta dalla Fondazione. Cariverona investirà nell'operazione fino a un massimo di 220 milioni di euro.

Sul fronte Npl, UniCredit ha recentemente approvato l'implementazione del cosiddetto Progetto FINO, relativo alla cessione dei crediti deteriorati.

L'operazione - che riguarda un portafoglio di sofferenze pari a 17,7 miliardi di euro - sarà suddivisa in due fasi e "realizzata attraverso una cartolarizzazione, mediante la quale UniCredit cederà a Pimco e Fortress una tranche verticale maggioritaria nel corso della fase 1 che avrà luogo al più tardi entro il secondo semestre del 2017". L'attuazione della seconda fase avverrà nel corso del Piano Strategico.

Venerdì l'istituto di credito ha siglato con le organizzazioni sindacali un accordo sulle ricadute occupazionali del Piano industriale, che prevede 1.300 nuove assunzioni, 600 stabilizzazioni e 3.900 uscite volontarie.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza