cerca CERCA
Giovedì 18 Agosto 2022
Aggiornato: 11:28
Temi caldi

Uomini con machete e case date alle fiamme: nei disegni il dramma dei bambini nella Repubblica Centrafricana

29 maggio 2014 | 14.23
LETTURA: 2 minuti

Le immagini, disegnate dai piccoli che hanno frequentato uno degli spazi a misura di bambino dell’Unicef a Bossangoa, mostrano con colori vivaci e dettagli gli orrori che hanno vissuto a causa della crisi iniziata nel dicembre 2012 /FOTO

alternate text

Una donna incinta con una pistola puntata alla tempia, una casa data alle fiamme con dentro un bambino, un uomo con un machete in piedi su un corpo che giace in una pozza di sangue: queste le scene disegnate dai minori che hanno frequentato uno degli spazi a misura di bambino dell’Unicef a Bossangoa.

Disegni che, spiega l’Unicef, mostrano con colori vivaci e dettagli gli orrori che hanno vissuto a causa della crisi in Repubblica Centrafricana, iniziata nel dicembre 2012. Circa 500.000 bambini risultano sfollati e molti altri in pericolo perché vivono in aree instabili o per motivi legati alla religione.

Per loro disegnare è una terapia, li aiuta ad esprimere quel che provano e quello che hanno vissuto, sia i momenti felici sia i momenti più terribili. Negli spazi Unicef ai bambini è stato chiesto di disegnare anche quello che ricordano della propria vita prima del conflitto. “E’ importante - si legge in una nota - che focalizzino le loro energie sui momenti felici. Il ricordo dell’amore che hanno ricevuto, prima dello scoppio della crisi, è la fonte dalla quale possono attingere la forza per recuperare. Alcuni bambini disegnano volontariamente anche le violenze terribili che hanno vissuto”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza