cerca CERCA
Sabato 29 Gennaio 2022
Aggiornato: 08:29
Temi caldi

Manchester

Urla 'Allah Akbar' ma è un'esercitazione antiterrorismo, le scuse della polizia

10 maggio 2016 | 14.00
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Facebook /Greater Manchester Police)

La polizia si è scusata per aver fatto urlare 'Allah Akbar' durante un'esercitazione antiterrorismo a Manchester. Nella notte, al centro commerciale 'Trafford Centre', è andata in scena la simulazione di un'operazione di assalto delle forze speciali britanniche in caso di attacco terroristico in stile Parigi o Bruxelles.

Erano circa 800 le persone che hanno partecipato all'esercitazione, le cui fasi sono state postate in tempo reale dalla forze di polizia sui vari profili social, avvertendo che si trattava di una simulazione della quale facevano parte anche volontari, vigili del fuoco, operatori sanitari e falsi terroristi.

In uno degli scenari messi a punto, un attentatore suicida ha gridato 'Allah Akbar'. Alcuni utenti sui social media hanno così criticato la polizia di Manchester per quello che hanno considerato un inutile collegamento fatto tra terrorismo e Islam. In molti, tuttavia, si sono schierato con le autorità, sostenendo che serviva perché tutto fosse il più realistico possibile.

Con un comunicato postato su Facebook, ad ogni modo, la Greater Manchester Police si è scusata per aver utilizzato la frase religiosa: "Riflettendo - si legge nella nota - ammettiamo che è inaccettabile aver usato questa frase religiosa immediatamente prima di un finto attentato suicida, finendo per collegare questa esercitazione con l'Islam".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza