cerca CERCA
Domenica 04 Dicembre 2022
Aggiornato: 15:43
Temi caldi

Usa, sparatoria in discoteca gay in Colorado: 5 morti

20 novembre 2022 | 12.35
LETTURA: 2 minuti

Diciotto i feriti. Arrestato l'assalitore, un giovane di 22 anni

alternate text
Immagine di repertorio (Afp)

E' di 5 morti e 18 feriti il bilancio di un attacco in una discoteca gay in Colorado. Secondo quanto riporta la polizia di Colorado Springs la sparatoria è avvenuta poco dopo l'una del mattino, ora locale.

Leggi anche

A sparare un giovane di 22 anni, ha reso noto il procuratore distrettuale, Michael Allen, affermando che al momento l'uomo, che è stato arrestato, sembra aver agito da solo. "Se altre persone saranno identificate e arrestate condivideremo questa informazione con il pubblico al momento appropriato", ha aggiunto il procuratore.

Il capo della polizia, Adrian Vasquez, ha poi confermato che l'aggressore è stato fermato da "due eroiche persone" che si trovavano all'interno del locale. "Sulla base delle prime prove e testimonianze, il sospetto è entrato nel Club Q ed ha immediatamente iniziato a sparare mentre continuava ad avanzare all'interno del locale - ha detto - a questo punto, almeno due eroiche persone l'hanno affrontato ed hanno lottato con il sospetto, riuscendo ad impedirgli di continuare ad uccidere, abbiamo con loro un enorme debito di gratitudine".

La polizia sta indagando per determinare se l'attacco sia stato un crimine d'odio contro la comunità Lgbt. "Il movente del crimine è parte dell'inchiesta che sta determinando se sia stato un crimine d'odio", ha affermato Vasquez. All'interno del locale sono stati rinvenuti un fucile a canna lunga e altre due armi.

"Non possiamo e dobbiamo tollerare l'odio". Così il presidente degli Stati Uniti Joe Biden in una nota. "Sebbene non sia ancora chiaro il movente di questo attacco, sappiamo che negli ultimi anni la comunità Lgbtqi+ è stata vittima di terribili episodi di odio - denuncia Biden - La violenza delle armi continua ad avere un impatto devastante e particolare sulle comunità Lgbtqi+ in tutta la nazione e le minacce di violenza sono in aumento".

"Quando decideremo che ne abbiamo abbastanza? - chiede il presidente americano - Dobbiamo affrontare l'epidemia di salute pubblica della violenza con armi da fuoco in tutte le sue forme. All'inizio di quest'anno ho firmato la legge più significativa sulla sicurezza delle armi da fuoco in quasi tre decenni, oltre ad aver intrapreso altre azioni storiche. Ma dobbiamo fare di più. Dobbiamo emanare un divieto sulle armi d'assalto per togliere le armi da guerra dalle strade americane".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza