cerca CERCA
Venerdì 20 Maggio 2022
Aggiornato: 18:42
Temi caldi

Usa: da Parigi a Garland, quando una vignetta può costare la vita/Scheda

04 maggio 2015 | 14.07
LETTURA: 3 minuti

La sparatoria al concorso di caricature su Maometto in Texas porta subito alla mente la strage avvenuta quattro mesi fa nella sede della rivista francese Charlie Hebdo. Il 7 gennaio i fratelli Said e Cherif Kouachi avevano fatto irruzione nell'edificio aprendo il fuoco e uccidendo 12 persone

alternate text
Fiori deposti davanti alla sede di Charlie Hebdo dopo la strage del 7 gennaio (Foto Infophoto)

La sparatoria al concorso di vignette su Maometto a Garland, in Texas, porta subito alla mente la strage avvenuta quattro mesi fa a Parigi nella sede della rivista francese Charlie Hebdo. Il 7 gennaio i fratelli Said e Cherif Kouachi avevano fatto irruzione nella sede del giornale, aprendo il fuoco e uccidendo 12 persone, tra cui il direttore Stephane Charbonnier, detto Charb, e diversi collaboratori storici del periodico (Cabu, Tignous, Georges Wolinski, Honore).

Gli attentatori avevano voluto 'punirli' per la pubblicazione delle vignette satiriche su Maometto, considerate offensive. I fratelli di origine algerina avevano poi concluso la loro folle impresa dopo avere portato il terrore nel paesino di Dammartin en Goele, nella Seine-et-Marne. Erano rimasti uccisi durante l'incursione delle forze speciali nella tipografia dove si erano asserragliati. Ma il caso francese e quello americano non sono gli unici di quest'anno in cui sono stati presi di mira dei vignettisti.

Lo scorso 14 febbraio, a Copenaghen, l'estremista islamico Omar el-Hussein ha aperto il fuoco all'esterno del caffè Krudttoenden - dove si teneva un convegno su blasfemia, Islam e libertà di espressione - uccidendo il documentarista Finn Norgaard. Al convegno partecipavano l'ambasciatore di Francia in Danimarca e il vignettista Lars Vilks, che nel 2007 ritrasse Maometto con il corpo di un cane. Alcune ore dopo, el-Hussein aveva aperto il fuoco anche davanti alla Sinagoga della città, provocando la morte di una seconda persona, una guardia di sicurezza. Il terrorista era stato poi ucciso dalla polizia.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza