cerca CERCA
Sabato 04 Febbraio 2023
Aggiornato: 01:01
Temi caldi

Usa: gli Obama pensano al dopo Casa Bianca, oggi annuncio Biblioteca

12 maggio 2015 | 13.48
LETTURA: 3 minuti

Secondo le anticipazioni, sarà nel South Side , il quartiere afroamericano dove Obama ha iniziato, da social worker, la sua attività politica, scelta che indica come il presidente, insieme alla moglie Michelle, si prepari ad un futuro pubblico e di impegno sociale. "Tornerò a fare quello che facevo prima, cercare di aiutare le persone".

alternate text
(Foto Infophoto)

Ad un anno e mezzo dall'effettiva fine della sua presidenza, ad un età, 55 anni, che per molti politici corrisponde invece all'inizio dell'apice dalla carriera, Barack Obama inizia a pensare attivamente al dopo Casa Bianca. Che non sarà, scommettono in molti, una rilassata pensione, con la scoperta della passione per la pittura come è stato per il suo predecessore George Bush, ma, si prevede, sarà molto più simile al profilo pubblico, e attivo, che negli anni passati hanno scelto Jimmy Carter prima e Bill Clinton poi con le loro fondazioni.

Intanto, oggi si prevede che la foundation del presidente annuncerà la scelta del luogo dove sorgerà l'Obama Presidential Library che, secondo le anticipazioni, sarà nel South Side di Chicago, il quartiere povero a maggioranza afroamericano dove Obama ha iniziato, da social worker, la sua attività politica. Una scelta che è già una chiara indicazione del tipo di impegno sociale che Obama, insieme alla moglie Michelle, intende svolgere, rivolto alle classi più povere, alle minoranze o semplicemente al ceto medio americano che magari, con la continuazione del programma Let' Move, deve imparare a mangiare in modo più sano.

Lo ha fatto capire lo stesso Obama parlando recentemente con un gruppo di studenti della scuola media: "tornerò a fare il tipo di lavoro che facevo prima, cercando il modo di aiutare le persone, i giovani ad avere un'istruzione, la gente a trovare lavoro, a portare business nei quartieri dove non ce n'è abbastanza, questo è il tipo di lavoro che mi piacerebbe fare".

In quest'ottica, è stato già annunciato come il programma My Brother's Keeper, creato dalla Casa Bianca per aiutare i giovani afroamericani, si costituirà in un'organizzazione non profit con l'obiettivo di raccogliere finanziamenti dalle corporation, come è stato fatto anche per Let's Move. E si prevede che continuerà ad avere vita anche nel 'dopo Casa Bianca' il programma che Michelle ha lanciato durante la sua recente visita in Asia per aiutare le ragazze di tutto il mondo ad avere un'istruzione superiore.

Anche se la fondazione, e a quanto pare anche la Library, che come è tradizione ospiterà tutti i documenti relativi alla presidenza Obama, saranno a Chicago, è meno scontato che gli Obama si trasferiranno nella loro città immediatamente nel gennaio 2017. Secondo alcuni potrebbero rimanere a Washington fino a quando la loro figlia minore, Sasha, terminerà il liceo. E qualcuno della loro cerchia non esclude che possano scegliere di trasferirsi a New York.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza