cerca CERCA
Domenica 11 Aprile 2021
Aggiornato: 15:41
Temi caldi

Usa, Trump 'sogna' la California

01 marzo 2021 | 15.24
LETTURA: 2 minuti

Suo fedelissimo Grenell in pista per 'recall' governatore dem

alternate text
(Afp)

Donald Trump non solo prepara la presa di potere definitiva in seno al partito repubblicano, ma anche 'sogna la California' con la discesa in campo di un suo fedelissimo, l'ex ambasciatore in Germania ed ex capo dell'Intelligence Ric Grenell, nel caso che nei prossimi mesi vengano convocate le elezioni speciali per il "recall", il richiamo, del governatore democratico, Gavin Newsom.

Della possibilità Trump e il suo ex ambasciatore hanno parlato in una cena riservata che hanno avuto sabato a Mar a Lago, alla vigilia del discorso dell'ex presidente al Cpac di Orlando. E dopo che quella mattina Grenell, intervenendo alla conferenza dei conservatori, aveva parlato esplicitamente della vicenda affermando che "non vi è mai stato un caso più forte di recall" di un governatore di quello che i repubblicani californiani stanno portando contro Newsom.

"Se un pubblico ufficiale non mantiene le sue promesse, e non si può limitare il suo mandato, c'è sempre un'altra opzione: ti puoi candidare contro di lui", ha concluso Grenell che è un residente di Palm Springs.

"Sarebbe un grande governatore della California", ha commentato Mercedes Schlapp, ex consigliere di Trump, e moglie del presidente del Cpac Matt Schlapp. Secondo fonti citate da Politico, la macchina si sarebbe già messa in moto e Grenell nei prossimi giorni incontrerà big donor repubblicani del sud della California e starebbe già cominciando a costruire "una squadra esperta" per la raccolta dei fondi.

Giocando sulla crescente insofferenza di alcuni settori dello stato per le misure anti Covid di Newsom, gli organizzatori del recall affermano di aver raccolto 1,8 milioni di firme in favore della convocazione di un'elezione speciale. Per poterla avere devono presentare entro il 17 marzo 1,5 milioni di firme considerate valide all'ufficio del segretario di Stato.

Nel caso in cui si dovesse veramente andare al recall, gli elettori saranno chiamati a rispondere a due domande: la prima se vogliono 'recall', cioè rimuovere dall'incarico, l'attuale governatore, la seconda chi vorrebbero al suo posto.

Quella del recall è un po' una fissa dei californiani: praticamente tutti i governatori dal 1960 ad oggi hanno dovuto fronteggiare un tentativo del genere, ma solo uno, il democratico Gray Davis, nel 2003 fu rimosso e sostituito dall'attore Arnold Schwarzenegger, in pista come repubblicano.

Al momento, comunque, gli osservatori affermano che sarebbe molto improbabile che la maggioranza dei californiani possa votare contro Newsom, che nel 2018 ha vinto con un vantaggio di 24 punti e mantiene il sostegno dei democratici, nonostante le difficoltà del 2020. Questo però non sta impedendo a diversi repubblicani, oltre al fedelissimo di Trump Grenell, di prepararsi a bordo pista: tra questi l'ex sindaco di San Diego, Kevin Faulconer, l'imprenditore John Cox, che Newsom ha sconfitto nel 2018, e l'ex deputato Doug Ose.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza