cerca CERCA
Venerdì 22 Ottobre 2021
Aggiornato: 09:51
Temi caldi

Usb,in Italia donne al lavoro gratis per 395 mld, è tempo di cambiare

06 marzo 2020 | 20.05
LETTURA: 2 minuti

alternate text

La donna è un ammortizzatore sociale che sostituisce da sempre un welfare universale oggi in via di smantellamento: dedicano al lavoro di cura, alla famiglia e al lavoro domestico infatti quasi 7 ore al giorno, rigorosamente non retribuito pari a 50,7 miliardi di ore complessive per un valore economico di 395 miliardi di euro. E' l'Usb a mettere insieme, dati, numeri e ragioni di una situazione che vede le donne ancora lontane dall'autonomia e parità di genere.

A conti fatti una casalinga dedica al lavoro non retribuito 6h58’ al giorno, contro 4h8’ delle donne occupate e 1h47’ degli uomini occupati, ultimi insieme ai greci nella classifica del lavoro non retribuito nella Ue. Al contrario le italiane, insieme alle romene sono al primo posto per quantità di tempo speso nel lavoro di cura: 5h02’. Il lavoro domestico routinario, infatti, "il più dequalificante", annota ancora l'Usb, è per il 75,6% sulle spalle delle donne. Quello di cura invece vale 81 miliardi e anche qui le donne fanno la parte delle leonesse: 66,6%.

Non così la partecipazione alla vita economica delle donne dove l’Italia precipita al 117° posto. Nel lavoro salariato, infatti, le donne sono forza lavoro più flessibile, più ricattabile, meno pagata, sotto-inquadrata e più facilmente licenziabile, ricorda ancora l'Usb citando la classifica del World Economic Forum.Da questa condizione, conclude l'Usb, si esce solamente con provvedimenti in grado di invertire la direzione. E l'elenco è lungo: reddito di base incondizionato; salario minimo legale; riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario; welfare universale; diminuzione dell’età pensionabile; massicce assunzioni nella pubblica amministrazione; sostegno alla maternità; genitorialità condivisa.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza