cerca CERCA
Venerdì 14 Maggio 2021
Aggiornato: 10:54
Temi caldi

Covid Italia oggi

Vaccini, Palù: "Johnson & Johnson e AstraZeneca a under 60? Non è vietato"

22 aprile 2021 | 09.40
LETTURA: 2 minuti

La risposta del presidente Aifa in caso di scarsità di forniture e carenza di dosi di altre aziende da destinare ai più giovani

alternate text
Fotogramma

I vaccini Johnson & Johnson e AstraZeneca, in caso di carenza di dosi di altre aziende potrebbero essere destinati a persone con meno di 60 anni? E' l'ipotesi che non viene esclusa dal presidente dell'Aifa Giorgio Palù in un'intervista al 'Corriere della Sera'. "L'agenzia europea Ema non ha posto restrizioni. L'Aifa - spiega - ha suggerito per entrambi i vaccini J&J e AstraZeneca un uso preferenziale per la fascia di età superiore ai 60 anni ma non ha inteso vietarlo al di sotto di tale età. Per ora non è prevista carenza di forniture".

E se dovessero mancare i vaccini? "Pfizer-Biontech ha incrementato nel secondo semestre la sua offerta con oltre 6 milioni di dosi aggiuntive, Moderna ha promesso la consegna di lotti pari a 4,7 milioni di dosi. Quindi - precisa - la situazione è tale che si potrebbe anche non dover ricorrere alla somministrazione dei vaccini J&J e AstraZeneca sotto i 60 anni".

C'è altro in arrivo? "Dovrebbe essere presto approvato da Ema un altro ausilio, Curevax, vaccino a mRNA, funzionamento simile a quello di Pfizer e Moderna, con disponibilità prevista di oltre 7 milioni di dosi nel secondo trimestre", risponde il presidente dell'Aifa. Dunque nessun piano B? "Va specificato che anche al di sotto dei 60 anni il rapporto tra rischi e benefici dei due vaccini basati su vettore adenovirale resta ampiamente a vantaggio dei benefici - prosegue -. I casi di trombosi venose profonde segnalati in persone giovani vaccinate, sono estremamente rari. L'indicazione d'uso sopra i 60 anni è solo un suggerimento".

Che significa? "A chi ha ricevuto una prima dose con AstraZeneca nella fascia di età al di sotto dei 60 anni non è sconsigliata la seconda somministrazione con lo stesso preparato - osserva - Va ricordato che casi di trombosi con trombocitopenia, accompagnata da carenza di piastrine nel sangue, sono stati registrati soltanto dopo la prima somministrazione. La vaccinazione è un atto volontario quindi il singolo individuo potrebbe anche richiedere di ricevere un prodotto diverso. Ma non c'è ragione di cambiare strada".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza