cerca CERCA
Mercoledì 13 Ottobre 2021
Aggiornato: 13:04
Temi caldi

Vaccino Covid Pfizer, consegna in ritardo a 8 Paesi europei

28 dicembre 2020 | 09.58
LETTURA: 2 minuti

L'azienda all'Adnkronos Salute: "Piccolo problema logistico, riprogrammato numero limitato"

alternate text
(Foto Afp)

Le consegne di vaccini contro il Covid-19 a otto Paesi europei, compresa la Spagna, subiranno un leggero ritardo a causa di un problema logistico presso lo stabilimento Pfizer in Belgio. Lo ha annunciato il ministero della Salute spagnolo all'indomani del lancio della campagna di vaccinazione nell'Ue.

"Pfizer Spagna segnala di essere stata informata questa notte dal suo stabilimento di Puurs (Belgio) del ritardo nelle spedizioni in otto Paesi europei, compresa la Spagna, a causa di un problema nel processo di carico e spedizione", ha riferito il ministero in un comunicato stampa, senza specificare quali siano gli altri sette Paesi colpiti.

Stando alla nota, il gruppo farmaceutico ha assicurato al ministero della Salute che "la situazione (era) già risolta", ma che "la prossima consegna di vaccini avverrà con qualche ora di ritardo e arriverà in Spagna martedì 29 dicembre per il proseguimento della campagna di vaccinazione su tutto il territorio nazionale". La Spagna avrebbe dovuto ricevere oggi 350mila dosi del vaccino prodotto dai laboratori Pfizer e BioNTech.

PFIZER: "PICCOLO PROBLEMA LOGISTICO" - A causa di un "piccolo problema logistico", Pfizer ha "riprogrammato un numero limitato delle consegne di vaccini" contro la Covid-19, sviluppati insieme a BionTech, ad alcuni Paesi europei (otto, inclusa la Spagna, secondo le autorità spagnole). Il problema logistico "è stato risolto e quei colli sono ora in corso di spedizione". Lo spiega all'Adnkronos una portavoce di Pfizer da Londra. Riguardo a quanto riportato dalla stampa spagnola (El Correo parla di problemi nei sistemi di controllo della temperatura, un aspetto critico del vaccino di Pfizer-BionTech, che richiede temperature di conservazione molto basse), la portavoce si limita a dire che "non ci sono problemi di manifattura o di controllo della temperatura da riportare".

Nessun commento, infine, su quali siano gli altri sette Paesi coinvolti nel lieve ritardo delle spedizioni: "Non commentiamo sui calendari delle consegne ai singoli Paesi", taglia corto.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza