cerca CERCA
Giovedì 05 Agosto 2021
Aggiornato: 21:04
Temi caldi

Vaccino CureVac fallisce primi test, Italia attendeva 30,2 milioni di dosi

17 giugno 2021 | 13.42
LETTURA: 3 minuti

Risultati deludenti per il prodotto scudo tedesco che ha dimostrato un'efficacia del 47%. L'Ue: "Dati non definitivi"

alternate text
(Afp)

Il candidato vaccino anti-Covid di CureVac "ha dimostrato un'efficacia del 47% contro la malattia Covid-19 di qualsiasi gravità e non ha soddisfatto i criteri di successo statistici prestabiliti". E' il primo verdetto che arriva dall'analisi ad interim dello studio internazionale di fase 2b/3 condotto su circa 40mila persone (studio Herald). I risultati sono stati comunicati dall'azienda tedesca. L'analisi ha valutato il vaccino in un contesto di almeno 13 varianti circolanti all'interno del sottoinsieme di popolazione preso in esame. I dati disponibili sono stati comunicati all'Agenzia europea del farmaco Ema. Il vaccino tedesco era uno di quelli su cui l'Ue aveva puntato. Sulla quantità totale di questo candidato vaccino pre-opzionata, la quota per l'Italia è, secondo i dati comunicati in origine dal ministero, pari a 30,2 milioni di dosi.

Il Data Safety Monitoring Board, prosegue l'azienda nella sua nota, ha confermato un profilo di sicurezza favorevole per il vaccino CVnCoV. Lo studio sta proseguendo fino all'analisi finale e la totalità dei dati sarà valutata per il percorso normativo più appropriato, informa CureVac. "Speravamo in un risultato" intermedio "più forte", ha affermato Franz-Werner Haas, Ceo di CureVac. "Riconosciamo che dimostrare un'elevata efficacia in questa ampia e senza precedenti diversità di varianti è una sfida. Mentre procediamo verso l'analisi finale con un minimo di 80 casi aggiuntivi, l'efficacia complessiva del vaccino potrebbe cambiare", ha avvertito. Nell'analisi ad interim sono stati valutati 134 casi di Covid-19. Di questi casi, 124 sono stati sequenziati per identificare la variante che ha causato l'infezione. Il risultato conferma che un solo caso era attribuibile al virus Sars-CoV-2 originale. Più della metà dei casi (57%) è stata causata da varianti preoccupanti (Voc).

"DATI NON DEFINITIVI"

Le informazioni disponibili sul grado di efficacia del vaccino anti-Covid di CureVac "che abbiamo sembrano basate su risultati preliminari e non definitivi. E' importante avere dati definitivi e completi sull'efficacia prima di prendere decisioni e procedere nelle discussioni con la compagnia", ha detto la viceportavoce capo della Commissione Europea Dana Spinant, durante il briefing con la stampa a Bruxelles.

"Su questa questione - aggiunge il portavoce Stefan de Keersmaecker - non sta a noi commentare. La sicurezza e l'efficacia dei vaccini sono competenza dell'Ema, sul cui lavoro ci affidiamo. Abbiamo un contratto con la compagnia", ma "serve un'autorizzazione alla commercializzazione. Seguiamo la vicenda nello steering board", conclude.

EMA

l vaccino CureVac "è ancora sottoposto a rolling review, i nuovi dati ad interim comunicati dall'azienda saranno valutati nel contesto di questa rolling review. Solo dopo l'agenzia sarà nella posizione di definire gli step successivi". Lo ha affermato Noël Wathion, vice direttore esecutivo dell'Agenzia europea del farmaco Ema, oggi durante il periodico briefing con la stampa, commentando i dati di efficacia sotto il 50% per il vaccino CureVac.

CLEMENTI: "GROSSA DELUSIONE"

"Grossa delusione" per i risultati ad interim sul candidato vaccino CureVac. "Evidentemente c'è qualche elemento di debolezza in questa preparazione vaccinale che potrebbe aver determinato questo risultato. Sembrava ricalcasse gli altri due vaccini a mRna e invece il risultato non è stato in linea. Spero che adesso corrano ai ripari modificando qualcosa". Commenta così Massimo Clementi, direttore del Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell'ospedale San Raffaele di Milano e docente all'università Vita-Salute, i dati sotto le aspettative.

"Non so se dovranno intervenire sulle particelle di grasso" che avvolgono il mRna. "Questo vaccino sembra avere - spiega - piccole variazioni nell'Rna e variazioni più consistenti nei liposomi che sono strutturati in maniera diversa. E' anche da questo che può dipendere il successo di un vaccino. Bisognerà vedere varie cose". Per Clementi, a pesare sul risultato non può essere solo il contesto ricco di varianti in cui il vaccino è stato testato. "Gli altri vaccini a mRna funzionano contro le varianti. Ho sentito che CureVac vuole continuare con la sperimentazione e spero che possano correggere il tiro avendo individuato l'eventuale aspetto problematico. Sta di fatto che adesso devono migliorare la performance del loro candidato vaccino - sottolinea - altrimenti non credo abbia un grosso futuro. Dovranno dire

perché si è avuto questo risultato e cosa hanno modificato se lo faranno. Come minimo la conseguenza è che si allungheranno i tempi".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza