cerca CERCA
Giovedì 04 Marzo 2021
Aggiornato: 23:13
Temi caldi

Vaccino Pfizer, esperto Israele: "Prima dose meno efficace di dati azienda"

19 gennaio 2021 | 16.43
LETTURA: 1 minuti

"Molti si sono infettati fra la prima e la seconda iniezione"

alternate text
(Fotogramma/Ipa)
(Adnkronos)

In Israele, molto avanti con le vaccinazioni, la prima dose del vaccino Pfizer si sta rivelando meno efficace contro Covid-19 rispetto a quanto inizialmente indicato dall'azienda farmaceutica statunitense. Lo ha detto il coordinatore nazionale della strategia anti-coronavirus, Nachman Ash, secondo quanto riferisce la radio militare.

Leggi anche

Oltre 2 milioni di persone sono state vaccinate in Israele, più di 400mila hanno già fatto anche il richiamo. Eppure, molti si sono infettati fra la prima e la seconda dose, avrebbe evidenziato Ash, e sembrerebbe che la protezione garantita dalla prima iniezione "sia meno efficace di quanto avevamo pensato". I dati sarebbero "inferiori a quelli presentati da Pfizer", avrebbe sostenuto l'esperto, si legge sul 'Time of Israel'.

In una riunione al ministero della Salute, Ash ha anche detto di non essere certo che i vaccini possano proteggere dalle varianti del coronavirus. Ash avrebbe preannunciato che non insisterà sul fatto che misure di blocco più restrittive vengano estese per altre 2 settimane, visto che potrebbe bastare un'altra settimana e mezza.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza