cerca CERCA
Lunedì 04 Luglio 2022
Aggiornato: 02:01
Temi caldi

Val Susa, l'uomo che ha travolto Elisa e Matteo "personalità violenta e aggressiva"

12 luglio 2017 | 17.55
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(da Facebook)

Resta in carcere Maurizio De Giulio, il 50enne accusato di aver travolto domenica pomeriggio nei pressi di Condove con il proprio furgone la moto su cui viaggiavano la coppia di fidanzati Elisa Ferrero e Matteo Penna, uccidendo sul colpo la ragazza è ferendo gravemente il giovane. Lo ha deciso il gip Alfredo Toppino che, al termine dell'udienza di questa mattina in carcere, ha convalidato l'arresto e disposto la misura cautelare.

"La deliberata e sconsiderata condotta di guida realizzata dall'indagato evidentemente finalizzata a cercare lo scontro con il motociclista - si legge tra l'altro nell'ordinanza - ne rivela una personalità violenta ed aggressiva e che non si è fatta scrupolo a porre a repentaglio la vita e l'incolumità altrui a seguito di un diverbio insorto per una banale lite tra utenti della strada".

"Gli accertamenti di natura tecnica sinora espletati - prosegue l'ordinanza - risultano sconfessare la versione dell'indagato secondo cui avrebbe azionato, anche soltanto nelle fasi finali precedenti all'impatto, il sistema di frenata". Per il giudice, inoltre, dalle verifiche emerge che "De Giulio si è posto all'inseguimento di Penna evidentemente mosso dal risentimento per il diverbio avuto in precedenza". E ancora: "Ha tenuto una condotta di guida sconsiderata, correndo a forte velocità, superando più vetture e infine dando l'impressione di puntare la moto del Penna al fine di raggiungerla".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza