cerca CERCA
Martedì 21 Settembre 2021
Aggiornato: 05:00
Temi caldi

Variante Covid, Oms: "No elementi per definirla più grave"

21 dicembre 2020 | 17.43
LETTURA: 2 minuti

alternate text
( AFP)

"Il Regno Unito riferisce che questa variante del Coronavirus si trasmette più facilmente ma non ci sono elementi per ritenere che provochi conseguenze più gravi o sia più mortale". L'Oms, attraverso le parole del direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus, si esprime così sulla nuova variante covid che sta allarmando in particolare l'Europa.

"Negli ultimi giorni ci sono stati report relativi ad una variante del coronavirus nel Regno Unito e in Sudafrica. I virus mutano nel corso del tempo, è naturale ed è una cosa prevista. Il Regno Unito riferisce che questa variante si trasmette più facilmente ma non ci sono elementi per ritenere che provochi conseguenze più gravi o più mortale. L’Oms collabora con gli scienziati per capire come questi mutamenti genetici possano condizionare il comportamento del virus", dice.

"Vaccini sicuri ed efficaci ci danno speranza, ma non autorizzano le persone ad abbassare la guardia ponendo a rischio se stesse e gli altri. Ci sono gruppi che continuano a sostenere che questo virus colpisca solo gli anziani e che possiamo rilassarci con i vaccini in arrivo. Il covid 19 colpisce bambini e adulti in una serie di modi e può attaccare ogni apparato nell’organismo. Un numero crescente di persone soffre effetti a lungo termine, questo comprende conseguenze neurologiche su bambini e adulti che sono ancora in fase di studio", aggiunge.

"Il dato di fondo -evidenzia- è che dobbiamo bloccare la trasmissione di tutti i virus SARS-COV-2 il più presto possibile. Più consentiamo la diffusione, più" il virus "ha la possibilità di mutare. Non posso sottolineare abbastanza, rivolgendomi a tutti i governi e a tutte le persone, quanto sia importante adottare le precauzioni necessarie per limitare la trasmissione in questo momento".

La cosiddetta variante inglese del coronavirus è stata trovata in altri cinque Paesi oltre la Gran Bretagna. Lo riferisce l'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) citando l'Italia, l'Australia, l'Islanda, la Danimarca e l'Olanda. "Nonostante la nuova variante si stia diffondendo più velocemente rispetto a quelle note in precedenza, la sua trasmissione non è tanto rapida quanto il morbillo, la parotite o la varicella", ha detto in conferenza stampa il responsabile delle emergenze sanitarie dell'Oms, Mike Ryan.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza