cerca CERCA
Lunedì 27 Settembre 2021
Aggiornato: 19:24
Temi caldi

Variante Delta "presto dominante, varianti emergono di continuo"

15 luglio 2021 | 16.21
LETTURA: 2 minuti

Il presidente dell'Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro: "Non possiamo escludere che ce ne siano altre"

alternate text
Fotogramma

La variante Delta" del coronavirus in Italia "sta diventando rapidamente dominante. Non possiamo escludere che ce ne siano altre. Sentiamo che ne emergono continuamente. Dobbiamo trovare un equilibrio tra il garantire il più rapidamente possibile le coperture vaccinali e, allo stesso tempo, modulare le misure di prevenzione, anche non farmacologiche, proprio per fare in modo che, fino a quando non saranno coperte tutte le persone a rischio" attraverso la vaccinazione, "si possa controllare il più possibile la circolazione" del virus. Lo ha detto il presidente dell'Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, nella lezione magistrale tenuta oggi per l'apertura del 53esimo Congresso straordinario della Società italiana di igiene, medicina preventiva e sanità pubblica (Siti).

"Le varianti" di Sars-CoV-2 "rappresentano la sfida attuale, ma la pandemia è stata anche un'occasione straordinaria, in cui siamo stati chiamati a rafforzare e utilizzare tutti gli strumenti della sanità pubblica in modo omogeneo in tutto il Paese. I prossimi 6 mesi saranno decisivi per contribuire tutti assieme a una ripartenza, dove la sanità pubblica possa continuare a garantire alle comunità salute e benessere", ha sottolineato Brusaferro, continuando: "Stiamo costruendo il futuro anche dei più giovani, dobbiamo fare in modo che ne siano protagonisti".

"In questa pandemia si sta attuando un monitoraggio che ormai va avanti da 60 settimane, di stretto coordinamento tra Regioni e centro. Dietro ciò che propongo ogni settimana ai media, come presidente Iss, c'è il lavoro di centinaio di colleghi e un'attività impegnativa di migliaia di professionisti che quotidianamente raccolgono i dati, li validano, li assemblano, li condividono, li verificano. E solo dopo tutti questi passaggi vengono condivisi, distribuiti e diventano patrimonio della nostra comunità", ha poi evidenziato.

"Questo credo sia il primo esempio di monitoraggio continuo, da oltre un anno, in coordinamento tra tutti i livelli nel nostro Paese - ha sottolineato - Spero che questo esempio possa diventare uno standard anche per altre patologie".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza