cerca CERCA
Sabato 28 Maggio 2022
Aggiornato: 19:56
Temi caldi

Variante Omicron e vaccino, Moderna avvia sperimentazione booster

27 gennaio 2022 | 07.20
LETTURA: 2 minuti

La fase 2 dello studio - che prevede la somministrazione ai pazienti - valuterà sicurezza, tollerabilità e risposta immunitaria negli adulti

alternate text
(Foto Afp)

Omicron e vaccino, Moderna ha iniziato la sperimentazione clinica del booster specifico contro la variante covid. Lo ha annunciato l'azienda, secondo cui la fase 2 dello studio - che prevede la somministrazione del vaccino ai pazienti - valuterà sicurezza, tollerabilità e risposta immunitaria negli adulti.

Leggi anche

I test coinvolgono 600 adulti, di cui la metà ha già ricevuto due dosi di Moderna meno di sei mesi fa, mentre l'altra metà ha già anche ricevuto il richiamo. Il booster specifico contro Omicron sarà quindi somministrato come terza o quarta dose.

Nel dettaglio, il candidato vaccino mRna-1273.529 è stato somministrato al primo paziente nell'ambito di uno studio di fase 2 che coinvolgerà un massimo di 24 centri negli Usa e includerà due gruppi di circa 300 over 18 ciascuno: persone che hanno ricevuto un ciclo primario con due dosi del vaccino originario mRna-1273; persone che, oltre alle prime due iniezioni, hanno ricevuto anche il richiamo a dosaggio dimezzato. L'obiettivo del trial è valutare l'immunogenicità, la sicurezza e la reattogenicità del prodotto adattato.

La società ha comunicato anche la pubblicazione, sul 'New England Journal of Medicine', di dati sulla durata della protezione conferita dalla terza dose fatta con l'attuale vaccino mRna-1273. Dalla misurazione degli anticorpi neutralizzanti 6 mesi dopo il booster, è emerso che la neutralizzazione di Omicron era diminuita di 6,3 volte rispetto al picco che si registra 29 giorni dopo il richiamo, ma gli anticorpi restavano rilevabili in tutti i partecipanti. I titoli neutralizzanti contro Omicron sono scesi più rapidamente rispetto a quelli contro il virus originario, che sono calati di 2,3 volte nello stesso arco di tempo.

"Siamo rassicurati dalla persistenza degli anticorpi anti-Omicron 6 mesi dopo il booster da 50 microgrammi attualmente autorizzato - afferma Stéphane Bancel, Ceo di Moderna - Tuttavia, considerata la minaccia a lungo termine legata alla capacità di Omicron di sfuggire all'immunità, stiamo portando avanti lo sviluppo di un vaccino di richiamo specifico per Omicron. E stiamo anche valutando - evidenzia l'amministratore delegato - se includere questo candidato Omicron-specifico nel nostro programma di richiamo multivalente", ossia il progetto di un unico vaccino da somministrare in futuro contro Covid, influenza e altre infezioni stagionali.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza