cerca CERCA
Giovedì 21 Gennaio 2021
Aggiornato: 18:45

Vaticano, a Becciu resta il titolo 'eminenza': ecco cosa perde

26 settembre 2020 | 17.45
LETTURA: 1 minuti

alternate text
(Fotogramma)
Città del Vaticano, 26 set.(Adnkronos)

Il cardinale Angelo Becciu, licenziato dal Papa con la rinuncia ai diritti legati al cardinalato, continuerà ad essere chiamato eminenza ma il titolo è probabilmente l’unica cosa che gli resterà come porporato, come spiega all’Adnkronos don Davide Cito, docente di Diritto canonico alla Pontificia Università della Santa Croce.

"Il cardinale Becciu - dice il canonista - non dovrebbe più avere lo stipendio da cardinale (si aggira intorno ai 5 mila euro rispetto al vescovo che ne guadagna tremila, anche se con Bergoglio gli stipendi di prelati e dipendenti sono stati sottoposti a spending review) ma da vescovo e sulla macchina non dovrebbe più comparire la dicitura corpo diplomatico, prerogativa dei cardinali, ma CV". L’appartamento, come ha spiegato ieri lo stesso cardinale Becciu, gli resterà: "Il Papa ha detto di rimanere per il tanto bene che ho fatto".

Becciu naturalmente non potrà partecipare al Conclave per l’elezione del Papa, né a cerimonie ufficiali come i Concistori. E se un domani il cardinale dovesse essere riabilitato e le accuse rivelarsi infondate "il Papa - spiega il canonista don Cito - dovrebbe chiedere scusa e restituire a Becciu i diritti di cardinale".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza