cerca CERCA
Domenica 05 Dicembre 2021
Aggiornato: 17:53
Temi caldi

Vaticano aderisce a Protocollo per contrastare il ‘buco dell’ozono’

18 giugno 2020 | 13.47
LETTURA: 1 minuti

Il segretario per i Rapporti con gli Stati della Segretaria vaticana: "La pandemia da Covid-19 ci sollecita ulteriormente a prendere decisioni concrete e improcrastinabili"

alternate text
Mons. Paul Gallagher - Fotogramma

Vaticano in prima linea per arginare il ‘buco dell’ozono’. Lo ha annunciato mons. Paul Gallagher, segretario per i Rapporti con gli Stati della Segretaria di Stato, durante la presentazione del documento del Vaticano, sostenuto fortemente dal Papa, per la cura della ‘casa comune’.

"Sono lieto di informare della prossima adesione della Santa Sede all’Emendamento di Kigali al Protocollo di Montreal sulle sostanze che impoveriscono lo strato di ozono, strumento finalizzato a contrastare sia il problema del cosiddetto "buco dell’ozono", sia il fenomeno dei cambiamenti climatici. Strumento che - ha spiegato Gallagher- va nella direzione auspicata dal Santo Padre, quando afferma nella Laudato si’, al n. 112, che ‘la libertà umana è capace di limitare la tecnica, di orientarla, e di metterla al servizio di un altro tipo di progresso, più sano, più umano, più sociale e più integrale’".

"La pandemia da Covid-19 ci sollecita ulteriormente a rendere la crisi socioeconomica, ecologica ed etica che stiamo vivendo come momento propizio di stimolo alla conversione e a decisioni concrete e improcrastinabili, come messo ben in evidenza nel testo. Per fare ciò, - ha detto - abbiamo bisogno di una proposta operativa, che nel caso in oggetto è rappresentata dall’ecologia integrale".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza