cerca CERCA
Mercoledì 19 Gennaio 2022
Aggiornato: 08:14
Temi caldi

Vaticano: Agca trattenuto in uffici polizia frontiera Fiumicino

28 dicembre 2014 | 14.25
LETTURA: 2 minuti

A quanto si apprende, sarebbe trattenuto negli uffici della polizia di frontiera a Fiumicino Ali Agca, in attesa dell'udienza di convalida di domani che dovrà perfezionare la procedura di espulsione avviata nei suoi confronti all'atto del controllo dei documenti effettuato ieri dalla polizia dopo che il 'lupo grigio', seguito dalle telecamere Adnkronos, si era recato in Vaticano per depositare delle rose sulla tomba di Giovanni Paolo II, in occasione del del 31esimo anniversario del suo incontro con il pontefice a Rebibbia, avvenuto il 27 dicembre 1983.

Agca, che è residente a Istambul, sarebbe infatti entrato in Italia con documenti irregolari: in particolare, senza il visto necessario all'ingresso nel paese. Per questo, se domani verrà convalidato il provvedimento di espulsione, l'attentatore di Wojtyla sarà accompagnato alla frontiera e rimpatriato.

Ieri Agca si era presentato nella sede dell'Adnkronos, al palazzo dell'Informazione di piazza Mastai. "Siete stati i primi nel mondo a pubblicare la foto del mio attentato a Giovanni Paolo II. Per questo motivo sono tornato da voi oggi, nel giorno del 31esimo anniversario del mio incontro con il pontefice a Rebibbia", aveva detto.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza