cerca CERCA
Giovedì 29 Settembre 2022
Aggiornato: 03:01
Temi caldi

Ambiente: Enpa, con dieta vegana -50% anidride carbonica

19 giugno 2014 | 19.01
LETTURA: 2 minuti

alternate text

(Adnkronos Salute) - I menù vegano e vegetariano sono quelli a minor impatto ambientale, perché producono il 50% in meno di anidride carbonica rispetto alle diete tradizionali. Così l'Enpa commentato uno studio inglese che ha calcolato l'anidride carbonica emessa per la lavorazione di 94 tipi di alimenti e ha confrontato diverse tipologie di dieta per individuare quelle che comportano una minore emissione di gas serra.

"Per soddisfare la richiesta giornaliera di chi consuma carne in grande quantità - spiega il direttore scientifico dell'Enpa Ilaria Ferri - vengono prodotti ben 7,2 chilogrammi di anidride carbonica a persona, pari al doppio di quelli necessari per la dieta vegana (appena 2,9 chilogrammi) e vegetariana (3,8 chilogrammi)".

E' la produzione e lavorazione della carne bovina a produrre la maggior quantità di emissioni inquinanti (un kg di carne 'costa' 68,8 kg di Co2). Segue la carne ovina (64,2kg per ogni kg prodotto) e la lavorazione delle interiora (35,9 kg per ogni kg di carne). Diversamente, continua il comunicato, "per produrre un chilo di mais vengono emessi appena 0,7 kg di anidride carbonica; 0,8 per un chilo di fagioli e addirittura 0,4 per un chilogrammo di patate".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza