cerca CERCA
Martedì 17 Maggio 2022
Aggiornato: 20:20
Temi caldi

Veneto: Ulss 15, al via indagine su soddisfazione utenti ospedali

29 aprile 2014 | 17.31
LETTURA: 3 minuti

Padova, 29 apr. (Adnkronos Salute) - "Il mettersi in discussione è il miglior modo per crescere". Con queste parole il direttore generale dell'Ulss 15 Alta Padovana, Francesco Benazzi, ha presentato il progetto 'Qualità percepita della cura in ospedale'. Si tratta di un'indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi che abbiano trascorso almeno una notte di degenza nei presidi ospedalieri di Camposampiero e Cittadella. "Non abbiamo pensato a questa indagine semplicemente per verificare se le aspettative dei cittadini sono soddisfatte - specifica il Dg - bensì per individuare le possibili azioni che possono portare a un ulteriore miglioramento la nostra organizzazione e accoglienza".

La compilazione di un questionario, obbligatoriamente a fine degenza in modo da evitare che il paziente ancora in cura si senta inibito nell'esporre le proprie critiche, garantirà di valutare la percezione del cittadino la qualità erogata rispetto alla qualità progettata. "Vogliamo orientare i servizi della nostra azienda sui bisogni del cittadino - aggiunge Benazzi - I risultati dei questionari, 620 per ogni presidio, ci indicheranno come intervenire per mantenere o raggiungere l'eccellenza in ogni aspetto della cura. Abbassare la guardia in tal senso significa tornare indietro e questo è ciò che non vogliamo".

Il questionario - informa l'Ulss 15 in una nota - sarà composto da 20 domande sull'esperienza relativa alla prestazione ricevuta suddiviso in aree di indagine delle varie fasi assistenziali: prima, durante e dopo la prestazione. I pazienti daranno valutazioni anche su personale medico, infermieristico e di supporto (attenzione ai bisogni, cortesia, aiuto fornito e altro), privacy, trattamento del dolore, aspetti organizzativi (orari, comunicazione tra reparti, modalità d'accesso e collaborazione tra il personale), ambienti (igiene, comfort) e servizi alberghieri (qualità del cibo e menù). L'indagine sarà ripetuta per due volte nel primo anno di applicazione così da tener presente variazioni legate alla stagionalità, e sarà coordinata dall'Urp e dall'Unità di epidemiologia.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza