cerca CERCA
Giovedì 05 Agosto 2021
Aggiornato: 20:30
Temi caldi

Venezia, Cipriani: "Tante parole e niente fatti, Conte qui non serve a nulla"

14 novembre 2019 | 11.27
LETTURA: 2 minuti

Il patron dell'Harry's Bar interviene all'Adnkronos sulla drammatica situazione di Venezia: "Questo governo come i governi precedenti non hanno fatto nulla, proprio nulla per Venezia. Il Mose è pronto, se fosse stato in funzione tutto questo non sarebbe accaduto..."

alternate text
Arrigo Cipriani all'interno dell'Harry's Bar (Fotogramma)

"Tante parole e niente fatti. Questo governo, Conte, come i governi precedenti non hanno fatto nulla, proprio nulla per Venezia". Così si sfoga all'Adnkronos Arrigo Cipriani, fondatore dell'Harry's Bar di Venezia in merito alla drammatica situazione di Venezia colpita da alte ondate di marea.

"Il Mose, opera folle e la più grande ruberia degli ultimi 50 anni in Italia, non è stato messo in funzione per colpa loro, per colpa dei governi precedenti e di quello attuale - ha aggiunto Cipriani - Andava nominato il direttore delle opere pubbliche, che è andato in pensione, invece non è stato nominato e si è fermato tutto. Il Mose è pronto, mancano le prove e non le hanno fatte, mentre se le avessero fatte e l'opera fosse stata in funzione tutto questo non sarebbe accaduto...".

"A me fa ridere che venga Conte a Venezia , la presenza non serve a niente, vogliamo fatti - conclude Cipriani - viene a rendersi conto dei danni, quali? Quelli che hanno fatto loro. Lui è lì da quanto? Un anno, e non ha fatto niente: non è stato fatto nulla, proprio nulla per Venezia".

Anche l'Harry's Bar è stato colpito dall'ondata di acqua alta. "Siamo sott'acqua, siamo allagati, ma siamo anche preparati, tanto che non abbiamo chiuso", spiega Cipriani. "A Venezia sempre l'acqua sale e scende ma siamo abituati e preparati, certo poi ci sono eventi eccezionali, ma non abbiamo subito grandi danni. Le immagini trasmesse in tv - conclude - sono certamente insolite, ma il motivo è anche che le imbarcazioni forse non sono state messe sufficientemente in sicurezza".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza