cerca CERCA
Martedì 03 Agosto 2021
Aggiornato: 15:44
Temi caldi

Venezia: sospensiva Tar 'inciampo' ma ministero lavora a soluzione definitiva

18 marzo 2014 | 13.49
LETTURA: 2 minuti

La sospensiva del Tar è ''un inciampo in più'' per il ministero delle Infrastrutture sulla strada dell'individuazione di un'alternativa al passaggio delle grandi navi nel Bacino di San Marco a Venezia, ma l'impegno del dicastero guidato da Maurizio Lupi, che è sempre stato per una soluzione definitiva, prosegue con la costanza di sempre. E' quanto apprende l'Adnkronos da fonti del ministero, che auspicano ''che quanto prima il problema possa essere risolto''.

In effetti, l'ordinanza della Capitaneria di porto era stata emessa a seguito delle limitazioni varate dal governo Monti con il decreto Clini-Passera. Una soluzione tampone, dunque, in attesa che si riuscisse a individuare un'alternativa convincente e definitiva al passaggio delle navi da crociera nel Canale di San Marco e nel Canale della Giudecca.

Insomma, una soluzione che potesse venire incontro alle richieste pressanti di parte della cittadinanza dando piena attuazione fin da subito al divieto per le grandi navi nel canale della Canale di San Marco e della Giudecca, nel frattempo che sulle ipotesi allo studio si svolgessero i necessari studi di impatto ambientale. Da questo punto di vista, la sospensiva non cambia l'impegno del ministero, al lavoro per una soluzione definitiva.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza