cerca CERCA
Giovedì 27 Gennaio 2022
Aggiornato: 15:44
Temi caldi

Vergassola: "Salvini governa con Pd, non può farla facile sui migranti"

10 maggio 2021 | 13.48
LETTURA: 2 minuti

'Anche io al posto loro prenderei figli e nipoti e salirei su un gommone anche mezzo sgonfio'

alternate text
Dario Vergassola

"Salvini ora sta al Governo e governa con il Pd, dunque non può più farla 'facile' con i migranti, dicendo che se ne stiano a casa loro, che noi qui in Italia abbiamo già tanti problemi... Pariamo di arrivi ma parliamo anche di morti e di gente che sfida la morte pur di scappare". E' quanto sottolinea Dario Vergassola, sentito dall'AdnKronos sulle reazioni del leader della Lega rispetto alle notizie sui nuovi sbarchi di massa a Lampedusa.

"Già sono andate a fondo due imbarcazioni - ricorda Vergassola - E' chiaro che i problemi ci sono, ma non ci si può limitare a dire, come dice Salvini, di non farli partire così non muoiono in mare... non è che morire nel deserto sia molto più divertente: si può morire affogati nell'acqua come si può morire anche di sete perché manca l'acqua. E comunque domandiamoci sempre cosa faremmo noi al loro posto e nella loro situazione: io penso che prenderei i miei figli e i miei nipoti in braccio e mi avventurerei in mare aperto anche su un gommone mezzo sgonfio".

Per Vergassola, "anziché chiudere i porti di partenza e di arrivo, bisognerebbe ripristinare l'operazione 'Mare Nostrum', non più però da parte della sola Italia ma dell'intera Europa. Il nostro Paese non può prendersi l'onere e il carico tutto da solo, non era giusto prima e non è giusto a maggior ragione ora, con i problemi legati alla pandemia da Covid: l'Italia può essere il punto di sbarco, dando i giusti ristori ai luoghi turistici penalizzati, per poi distribuire equamente i migranti con tutto il resto dell'Unione Europea".

(di Enzo Bonaiuto)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza