cerca CERCA
Venerdì 18 Giugno 2021
Aggiornato: 07:22
Temi caldi

Vertice Ue, Merkel: "Jobs Act passo importante". Renzi: "Rispetteremo tetto del 3%"

08 ottobre 2014 | 16.09
LETTURA: 5 minuti

Da Barroso alla Cancelliera, il premier incassa il plauso sulla riforma del lavoro alla Conferenza sull'occupazione. Sulla fiducia al Jobs act è bagarre al Senato. Espulso il capogruppo M5S. Poletti: "Via il reintegro per i licenziamenti economici"

alternate text
Renzi con Merkel al vertice Ue a Milano (Flickr/Palazzo Chigi)

Con il Jobs Act ''l'Italia sta facendo un passo importante''. Mentre a Roma il Governo è a un passo dal disco verde del Senato, a Milano il premier Matteo Renzi incassa il plauso della Cancelliera Angela Merkel sulla riforma del lavoro. Sul fronte dell'occupazione si devono "eliminare le barriere" presenti nel mercato del lavoro e l'Italia sta cercando di fare questo, ha detto la cancelliera tedesca durante il vertice Ue sull'occupazione nel capoluogo lombardo, dove in mattinata ha sfilato il corteo Fiom con un Maurizio Landini pronto ad occupare le fabbriche.

Non solo Merkel. Come previsto, la riforma del lavoro targata Renzi, con dentro l'eliminazione del reintegro per i licenziamenti economici, ha avuto un certo effetto sui leader europei. "Mi congratulo con il presidente del consiglio Matteo Renzi per l'iniziativa del Jobs act - ha detto presidente uscente della Commissione europea, Jose Manuel Barroso - Si tratta di una riforma importante che può avere un grande impatto sulla competitività dell'economia italiana".

Renzi - Tutto incentrato sulla necessità della crescita, l'intervento di Renzi alla Conferenza. "Un'Europa che pensa solo ai vincoli è arida", ha detto il premier "senza crescita non c'è lavoro, senza lavoro non c'è dignità, senza dignità non c'è Europa. Tornare dunque a porre l'attenzione sulla crescita significa chiedere all'Europa di tornare a essere se stessa". L'antipolitica è lo spettro indicato dal presidente del Consiglio. "Se trasformiamo l'Europa in una commissione che fa gli esami e fa le pulci ai Paesi membri, ai governi liberamente eletti, forse stiamo rispettando le regole della burocrazia, ma certo stiamo uccidendo la speranza della politica". E se l'Europa diventa solo luogo ''non più di ideali ma di controlli, solo controlli, questo è paradossalmente il più grande regalo che possiamo fare alla antipolitica". Tuttavia, dice Renzi "io ho le mie idee sul limite del 3% e le mantengo tutte", ma "l'Italia ha un problema di credibilità, di reputazione", e per questo "ritengo giusto rispettare il 3%", tetto massimo per il rapporto deficit/Pil. Quanto alla bagarre al Senato, Renzi è netto. L'opposizione ha fatto delle "sceneggiate", un "segno di mancanza di serietà e di rispetto. La mia preoccupazione è la disoccupazione, non l'opposizione".

Hollande - Crescita in primo piano anche per il presidente francese Francois Hollande. ''Serve aggiustare il ritmo delle politiche di budget perché la crescita è minacciata'', dice arrivando alla conferenza sull'occupazione. ''Siamo tutti preoccupati. Bisogna insistere -aggiunge- sul piano di investimenti che impegna la prossima Commisione Juncker''. Finora, ricorda il presidente francese, "sono stati impegnati 6 miliardi per l'occupazione in Europa per il periodo 2014-2015", ma con i capi di Stato, oggi, si parlerà di nuovi piani e investimenti, che "sono necessari". "In Ue - spiega - un giovane su quattro è disoccupato e la crescita rallenta. Siamo tutti coinvolti".

Merkel - E sulla rigidità del sistema Europa arriva un'apertura dalla cancelliera tedesca. "So che ci sono Paesi che devono lottare per conciliare il rapporto tra il deficit e la crescita" e "siamo pronti a discutere modifiche al sistema, è utile tenere queste conferenze perché si possono cambiare le cose", ha detto Merkel. Il riferimento è soprattutto allo stanziamento dei fondi europei, le cui procedure per ottenere i soldi risultano "difficili". "Difficile usare al meglio" anche gli stessi 6 miliardi di euro stanziati per l'occupazione giovanile, in quanto anche "il prefinanziamento viene calcolato nel deficit nazionale e questo crea un problema". Ci sono Paesi "che lottano per rispettare il patto di stabilità e capisco - spiega - che usino con una certa reticenza questi programmi e questi fondi". Bisogna "vedere come cambiare le cose e noi siamo pronti", conclude.

Schulz - L'Italia ha "un governo fantastico", ha detto al suo arrivo il presidente dell'Europarlamento, il socialista Martin Schulz. "Penso che il governo italiano - continua Schulz - stia facendo il massimo per mobilitare gli investimenti. Sostengo il governo in questo. Abbiamo certamente bisogno di una gestione sostenibile del debito sovrano e della sua riduzione, è vero, ma non metteremo a posto i bilanci pubblici senza crescita. Pertanto, la soluzione è stimolare la crescita attraverso gli investimenti, pubblici e privati". Insomma, insiste il presidente del parlamento europeo, "non avremo mai bilanci sostenibili se non abbiamo crescita e più entrate. Tagliare solamente non ha senso".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza