cerca CERCA
Domenica 22 Maggio 2022
Aggiornato: 23:53
Temi caldi

Vertice Ue, nuova proposta per Recovery

18 luglio 2020 | 09.48
LETTURA: 2 minuti

Pacchetto complessivo resterebbe di 750 mld di euro, ma i trasferimenti diminuirebbero da 500 a 450 mld, mentre i prestiti aumenterebbero da 250 a 300 mld. Fonti Olanda: "Passo in giusta direzione". Ieri fumata nera, il premier: "Restano divergenze ma c'è ancora da lavorare" (VIDEO 1, 2). E traccia la "linea rossa": "Sì alla revisione di qualche dettaglio, ma non ad accettare una soluzione di compromesso"

alternate text
(Foto Afp)

Il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel ha preparato una nuova proposta di compromesso per il Recovery Plan, secondo un documento visto dalla Dpa. Il pacchetto complessivo resterebbe di 750 mld di euro, ma i trasferimenti diminuirebbero da 500 a 450 mld, mentre i prestiti aumenterebbero da 250 a 300 mld.

Il presidente del Consiglio Europeo ha interrotto la plenaria del summit sull'Mff 2021-27, il Quadro finanziario pluriennale dell'Ue, e sul Recovery Plan per dare il via alle consultazioni in formati più ristretti, dopo la proposta di compromesso. Michel ha organizzato un incontro tra i leader di Danimarca, Austria, Olanda, Finlandia, Svezia con quelli di Francia, Germania, Italia, Spagna, Grecia e Portogallo, insieme alla presidente della Commissione Ursula von der Leyen.

Le "proposte" avanzate dal presidente del Consiglio Europeo Michel sulla governance dei piani nazionali di ripresa e resilienza della Recovery and Resilience Facility, cuore di Next Generation Eu, costituiscono "un passo serio nella giusta direzione". Lo dicono fonti diplomatiche olandesi, a Bruxelles.

In fin dei conti, continuano, "si tratta di un pacchetto" e "ci sono molte altre questioni da risolvere. Se ci riusciremo, dipenderà dalle prossime 24 ore". La proposta avanzata oggi da Michel prevede un ruolo per i ministri delle Finanze dell'Ue, riuniti nell'Ecofin, se dovessero sorgere problemi con l'attuazione dei piani nazionali di ripresa e di resilienza.

Il Recovery Fund servirà ad evitare un’Europa a due velocità secondo la vicepresidente della Commissione Ue, Margrethe Vestager, infatti, "é proprio questo il punto. Siamo tutti stati colpiti dalla crisi sanitaria del Covid, ma siamo stati colpiti in modo diverso e dobbiamo però riprenderci tutti insieme. Perché vediamo delle differenze su come gestire la propria economia, c’è chi può fare molto e fare quello che serve, altri non hanno le stesse possibilità ed è per questo che un Recovery Fund comune è così importante per poterci risollevare insieme" ha affermato parlando a NewsMediaset.

"#Bruxelles Primo sole da dieci giorni. Coraggio, ambizione, unità. #NextGenerationEU". lo scrive il commissario Ue, Paolo Gentiloni, su twitter.

La giornata di ieri si è chiusa con una "fumata nera", ha spiegato stanotte Conte, ma oggi c'è spazio per "lavorare" per trovare un accordo sul pacchetto Recovery Plan-Mff 2021-27, ha aggiunto.

Tra i capi di Stato e di governo dell'Ue riuniti per cercare un accordo sul Recovery Plan e sull'Mff 2021-27 "in molti interventi il clima è quello della consapevolezza che dobbiamo assolutamente raggiungere un risultato. Purtroppo è fumata nera, ma c'è ancora da lavorare domani (oggi, ndr)". Si è espresso così Conte questa notte rientrando in hotel.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza