cerca CERCA
Martedì 19 Ottobre 2021
Aggiornato: 02:33
Temi caldi

Vicepresidente Csm: "O riscatto o saremo perduti"

04 giugno 2019 | 17.09
LETTURA: 5 minuti

Ermini denuncia "degenerazioni correntizie", "giochi di potere" e "traffici venali" emersi dalle "cronache di questi giorni". Cascini: "Momento drammatico, è come P2"

alternate text
(Fotogramma) - FOTOGRAMMA

''Degenerazioni correntizie'', ''giochi di potere'' e ''traffici venali''. Di questo ''vi è evidente traccia nelle cronache di questi giorni''. Lo denuncia il vicepresidente del Csm David Ermini, nel suo intervento al plenum straordinario convocato dopo la bufera che si è abbattuta sul Consiglio e sull'intera magistratura italiana, dopo quanto emerso dall'inchiesta di Perugia. ''Siamo di fronte a un passaggio delicato: o sapremo riscattare con i fatti il discredito che si è abbattuto su di noi o saremo perduti'' dice Ermini, sottolineando che ''gli eventi di questi giorni sono una ferita profonda e dolorosa alla magistratura e al Consiglio superiore''.

"Il Csm e la magistratura hanno al loro interno gli anticorpi necessari per poter riaffermare la propria legittimazione agli occhi di quei cittadini nel cui nome sono pronunciate le sentenze'' scandisce il vicepresidente del Csm, chiedendo che le nomine dei capi degli uffici giudiziari ''siano effettuate attraverso la rigorosa osservanza del criterio cronologico, fuggendo la tentazione di raggrupparle in delibere contestuali che inducano il sospetto di essere state compiute nell’ambito di logiche spartitorie o non trasparenti''. Ermini lancia poi un monito: ''E' necessario che ciascuno di noi, togato o laico, assuma la consapevolezza della istituzione alla quale è stato eletto. Il Csm è e deve essere la sola nostra casacca, altre non ne abbiamo''.

''Questa consapevolezza - rimarca - implica innanzitutto che l'attività venga svolta tenendo conto dell'autorevole consiglio e dell'esempio animatore che vengono dal Capo dello Stato, il quale non ha mai fatto mancare la sua guida illuminata attraverso l'interlocuzione con il vicepresidente''. Parole, quest'ultime, concordate tra il capo dello Stato e il suo vice a palazzo dei Marescialli, frutto dei contatti continui intercorsi in questi giorni e che manifestano i timori e le esortazioni di Mattarella, rispetto a una vicenda assai complessa e delicata, che sta seguendo naturalmente con molta attenzione.

CASCINI: MOMENTO DRAMMATICO, È COME P2 - ''Il momento che stiamo vivendo, come Csm e come Istituzione giudiziaria, è particolarmente grave, forse il più drammatico della storia del Consiglio Superiore della Magistratura. L’unica vicenda che mi pare assimilabile, sotto più aspetti, a quella che stiamo vivendo in questi giorni è quella dello scandalo P2 dei primi anni ’80 del secolo scorso''. A denunciarlo è il togato di Area Giuseppe Cascini, intervenendo al plenum straordinario. ''Oggi - ammonisce Cascini - si richiede a noi un analogo sforzo di orgoglio e di coraggio. Abbiamo il dovere di reagire con fermezza e decisione a questa subdola e pericolosa aggressione al ruolo costituzionale del Consiglio e alla sua autonomia''. Il passo indietro dei consiglieri coinvolti ''è un segno di responsabilità istituzionale che va accolto con favore. Ma non basta. Abbiamo il dovere di interrogarci a fondo sulle ragioni che hanno consentito di arrivare a questo punto'', è l'invito di Cascini.

''L’attacco al sistema che viene dall’esterno, da centri di potere occulti che operano fuori dell’istituzione, è stato possibile solo a causa dell’indebolimento del ruolo del Consiglio reso permeabile e incapace di resistere alle tante pressioni, interne ed esterne'', denuncia il togato, ritenendo che non si debba invocare una ''guerra tra correnti'' ma che le correnti sono ''le vittime di una vicenda connotata da individualismo, smania di potere, intolleranza alle regole''. Cascini infine invoca ''il sostegno del vicepresidente Ermini che ha gestito con fermezza e autorevolezza questa difficile fase'' e soprattutto, conclude, ''abbiamo bisogno del sostegno e dell’aiuto del Presidente della Repubblica al quale chiediamo di non lasciarci soli in questo drammatico momento''.

IL DOCUMENTO DEL PLENUM - ''E' una vicenda che ci chiama in causa tutti e che impone a tutti un serio profondo radicale percorso di revisione critica e autocritica, di riforma e autoriforma dell'autogoverno". Una situazione la cui ''delicatezza impone di eliminare ogni ombra sull'istituzione di cui siamo componenti''. E' la presa di posizione dei consiglieri laici e togati del Csm in un documento approvato all'unanimità dal plenum straordinario. Il documento, firmato da tutti i componenti tranne i consiglieri dimissionari o autosospesi, è stato letto in plenum dalla togata di Area Alessandra Dal Moro.

I consiglieri si dicono ''sgomenti e amareggiati '' per quanto emerso dall'inchiesta di Perugia, ''fatti che gettano grave discredito su una istituzione che costituisce uno snodo fondamentale dell'architettura costituzionale a presidio, nell'interesse dei cittadini, dell'autonomia e dell'indipendenza della giurisdizione, della sua credibilità, della sua autorevolezza''. I consiglieri sottolineano ''il dovere di riaffermare la dignità del Csm, sgombrando ogni dubbio sul suo operato''. ''Non possiamo accettare comportamenti, non importa se penalmente irrilevanti, che gettino discredito sull'istituzione che incarna la magistratura italiana'', ammoniscono laici e togati, i quali auspicano che ''sia fatta chiarezza sugli episodi oggetto dell'inchiesta e sulle responsabilità individuali'' ma evidenziano che comunque quanto emerso ''è indicativo di comportamenti da cui intendiamo con nettezza prendere le distanze''.

ANM NAPOLI: CONSIGLIERI COINVOLTI SI DIMETTANO - Intanto l'Assemblea distrettuale di Napoli dell'Associazione nazionale magistrati ha approvato una mozione con la quale recepisce il documento approvato ieri dall'assemblea Anm di Milano e chiede le dimissioni immediate dei consiglieri del Csm "che sono o dovessero risultare coinvolti" nelle indagini della Procura di Perugia. E' questo l'esito della riunione che si è tenuta oggi pomeriggio nell'aula Arengario del Palazzo di Giustizia di Napoli, indetta dalla Giunta distrettuale, alla quale hanno partecipato oltre 250 magistrati del distretto.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza