cerca CERCA
Sabato 29 Gennaio 2022
Aggiornato: 00:15
Temi caldi

Volevano andare in Siria per unirsi all'Is, arrestati in Turchia tre ragazzi britannici

15 marzo 2015 | 16.19
LETTURA: 2 minuti

Lo ha rivelato Scotland Yard. Si tratta di due 17enni provenienti dalla zona nordoccidentale di Londra e di un 19enne, fermati a Istanbul. I ragazzi sono già stati rimpatriati

alternate text
(Xinhua)

Tre adolescenti britannici sospettati di voler arrivare in Siria per unirsi allo Stato islamico sono stati arrestati dalle autorità turche. Lo ha rivelato oggi Scotland Yard, secondo cui i tre ragazzi - due 17enni provenienti dalla zona nordoccidentale di Londra e un 19enne - sono stati fermati a Istanbul. I tre sono stati poi rimpatriati e si trovano ora in stato d'arresto in una stazione di polizia della capitale britannica.

I tre erano spariti da casa due giorni fa e sono stati arrestati dopo che le autorità antiterrorismo britanniche - sotto accusa per la sparizione, il mese scorso, di tre ragazzine che si sospetta siano riuscite ad entrare in Siria per unirsi ai jihadisti - hanno allertato i colleghi turchi.

Venerdì 13 marzo - ricostruisce Scotland Yard in un comunicato - gli ispettori dell'unità antiterrorismo hanno ricevuto l'informazione che due ragazzi di 17 anni del nordovest di Londra erano spariti e che senza dubbio erano diretti in Siria. L'inchiesta ha stabilito che viaggiavano con un terzo giovane, di 19 anni. Gli ispettori hanno allertato le autorità turche, che hanno intercettato i tre, impedendo loro di arrivare in Siria".

Il mese scorso, il vice premier turco Bulent Arinc aveva criticato duramente la Gran Bretagna per aver permesso che tre ragazze "lasciassero tranquillamente" Londra e per aver avvertito le autorità di Ankara solo "tre giorni dopo". A proposito della 16enne Kadiza Sultana e delle due 15enni Shamina Begum e Amira Abase, la Turchia ha annunciato nei giorni scorsi di aver arrestato un agente dei servizi siriani al soldo di un Paese non meglio identificato della coalizione contro l'Is che avrebbe favorito il loro ingresso in Siria.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza