cerca CERCA
Giovedì 20 Gennaio 2022
Aggiornato: 15:25
Temi caldi

Volkswagen, Ue sapeva da due anni dei rischi di manipolazione dei test

26 settembre 2015 | 08.53
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Afp)

In Italia i motori diesel truccati della Volkswagen potrebbero essere circa un milione. Lo ha dichiarato il viceministro ai Trasporti, Riccardo Nencini, in occasione del meeting dei Centri di revisione auto. "Una previsione di massima - ha detto Nencini - indica circa un milione di veicoli coinvolti. Sono in corso controlli per verificare il danno provocato anche in Italia".

L'indagine, secondo Nencini,"potrebbe chiudersi entro pochi mesi, entro la fine dell'anno. Auspico - ha aggiunto - che Volkswagen risolva rapidamente questa situazione. Vedo che si sta muovendo con grande celerità: ha cambiato i vertici in poche ore dalla notizia dello scandalo".

Secondo Nencini "è stato un anno in chiaroscuro per la Germania: ad aprile la Deutsche Bank ha pattuito una sanzione di due miliardi e mezzo di euro per aver truccato i dati del Libor. Ora il caso Volkswagen. Mi viene in mente una battuta di Pietro Nenni: 'Attenzione c'è sempre uno più puro che ti epura'".

UE SAPEVA DA DUE ANNI DEI RISCHI DI MANIPOLAZIONE DEI TEST - L'Unione Europea era da almeno due anni a conoscenza dei rischi di manipolazione dei test sulle emissioni: a lanciare l'allarme, un rapporto del 2013 del Joint Research Centre della Commissione Europea che aveva evidenziato l'incapacità degli organismi comunitari nel tenere sotto controllo l'industria automobilistica. Lo scrive oggi il Financial Times segnalando come nel documento si ponesse l'attenzione sui problemi posti da dispositivi - peraltro illegali in Europa dal 2007 - in grado di alterare i risultati delle emissioni.

Il rapporto del centro di ricerca invitava a testare su strada le auto diesel invece che in laboratorio, dal momento che "i sensori e i componenti elettronici nelle auto moderne sono in grado di 'rilevare' l'inizio di una prova di emissioni in laboratorio". Questi dispositivi, si indicava con estrema precisione, possono "attivare, modulare, ritardare, o disattivare i sistemi di controllo delle emissioni". Al contrario, continuava il rapporto, i test condotti su strada "inequivocabilmente indicano che i veicoli superano i limiti delle normative attuali".

GRUPPO ANNUNCIA MAXI-RICHIAMO PER 11 MLN VETTURE - Intanto entro poche settimane partirà il maxi richiamo del gruppo Volkswagen sugli 11 milioni di vetture con motori diesel dotate di centraline modificate per limitare le emissioni durante i test di omologazione. Lo ha annunciato un portavoce della società, anticipando che "i commercianti potranno essere più precisi a partire dalla prossima settimana" e sottolineando che l'intervento sarà ovviamente gratuito. I proprietari dei veicoli coinvolti dal maxi-richiamo - che sarà effettuato in collaborazione con le autorità nazionali - saranno informati per iscritto. Il portavoce non ha comunque voluto definire i possibili costi di tale operazione.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza