cerca CERCA
Sabato 25 Giugno 2022
Aggiornato: 13:28
Temi caldi

Volumi ripensati ed estetica anticonformista da Trussardi

24 febbraio 2014 | 14.20
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Nel ripensare i volumi e gli accostamenti Gaia Trussardi, per la maison del Levriero, dà corpo e volto a una nuova estetica che vuole essere anticonformista e farsi immagine di una sorta di eccentricità che vuole esaltare l'individuo.

In sostanza offre diversi pezzi in collezione che possono essere diversamente accostati e indossati, affinché ciascuno possa dare vita alla propria personale interpretazione del vestire. La giovane stilista di casa Trussardi guarda a figure come Anna Karina in Bande à part di Jean-Luc Godard, Jeanne Moreau in Jules et Jim, di Francois Truffaut. Insomma, donne che rompono i protocolli. L'idea è quella di una corsa a perdifiato nei corridoi del Louvre come nel film The Dreamers di Bernardo Bertolucci.

Per raccontare tutto ciò, ecco volumi sovradimensionati e un po' ironici, con il bomber che sfiora il ginocchio, quasi a diventare un cappotto, o ilt rucker dalla proporzioni sfalsate, le giacche maschili ampie e confortevoli, i pantaloni dalla linea a banana.

Nel guardaroba anche la polo, tra giochi di righe, intarsi scintillanti, piquet con ricami d'oro o in lurex argento. La felpa è in pelle con araldi ricamati di canutiglie, intarsi in pelle e jersey tecnico. Mano tattile per cappotti in montone e maglie di angora. Le gonne hanno un movimento severo e sinuoso. Importante lo spigato e il tweed, così come la lana grossa, la pelle e l'angora, la palette di colori spazia dal grigio, al fango, al cammello al nero con elementi caldi e metallici.

Per gli accessori piccoli secchielli in cocco o pellami dalla grana evidente con inserti colorati ed elementi metallizzati e tracolle di pelle e catena. Ai piedi grosse derby maschili con plateau, tacco e frange.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza